Cerca

Le storie della mala notte

esplorazioni, racconti e visioni per fare sogni inquieti

Tag

tv

Storie in treno: le mie preferite

Ci sono due cose che amo nella letteratura e nei film (e dovunque se ne racconti), ma che cerco di evitare nel mondo reale: il treno e il circo. Sono mondi chiusi e in movimento, il primo è pieno di sconosciuti, il secondo è una specie di strana famiglia. Ho deciso di fare un po’ d’ordine con i ricordi e provare ad annotare quelle storie che mi hanno colpito. Cominciamo da quelle in cui c’era di mezzo un treno (poi per il capitolo Circo ci sentiamo più avanti). Cominciamo proprio dall’inizio, dai ricordi di bambina che sono saldamente legati al mondo dei cartoni animati: in principio fu il Galaxy Express 999, un treno spaziale (ne parlo anche nel podcast Stelle&TV). Idea folle, impossibile e meravigliosa, quella di un lunghissimo viaggio in treno facendo tappa su qualche pianeta. s-l300Non era un cartone animato allegro, le storie erano cupe come il nero dello spazio profondo che si vedeva fuori dai finestrini. Le carrozze erano tante ed erano vuote, piccoli vuoti nel vuoto cosmico in un viaggio di sola andata. Il Galaxy però ogni tanto si fermava, cosa che invece sembra non dover succedere per il treno su cui viaggiava Sophia Loren nel film Cassandra Crossing.mv5bzwnkyjhhnzutmzbiyi00owe2ltgxmdutyzdjmdcxzteyoduzxkeyxkfqcgdeqxvymji4mja5mza@._v1_ Questa visione che all’epoca mi impressionò molto (quasi quanto il mio film catastrofico preferito, ovvero L’avventura del Poseidon di cui ho parlato qui). Il treno correva verso la morte: era stato (volutamente) fatto dirottare verso un vecchio ponte che attraversava una gola profonda, dato che a bordo si era diffuso un pericoloso contagio. I passeggeri erano prigionieri in questa trappola letale: se non era il virus a ucciderli ci avrebbe pensato la forza di gravità (forse per questo non amo i viaggi in treno?).
Se alla claustrofobia del treno aggiungiamo quella del sottomarino, ecco che ci tuffiamo in un altro cartone animato della mia infanzia, anche questo non proprio divertente seppur farcito di scene buffe.8pvb63m Del resto stiamo parlando di Osamu Tezuka con Marine Express – L’espresso sottomarino, dove gli occhioni dei personaggi del creatore della Principessa Zaffiro non devono ingannare: da occhi grandi scendono poi grandi lacrime. Per alcuni aspetti e soprattutto per la scena finale (no, non faccio spoiler!) questo lungometraggio animato mi è tornato in mente svariate volte guardando Snowpiercer ,altro film in cui il treno è protagonista assoluto. snowpiercer-1024x682In un modo coperto dai ghiacci questo treno viaggia senza fermarsi mai racchiudendo nelle sue carrozze le esistenze degli esseri umani che si sono adattati a una vita che scorre veloce sulle rotaie, ma non alla divisione in classi sociali. Claustrofobia portami via!
Ma la scena più claustrofobica ambientata a bordo di un treno l’ho vista nel film Non ho sonno, di Dario Argento. Quelle rare volte che si vorrebbe un treno super affollato, quelle volte in cui ad esempio sei inseguita da un assassino, ecco… lo si trova spaventosamente vuoto come il Galaxy Express. non-ho-sonno-2La povera ragazza di questo film non sa più dove nascondersi. Arriva a infilarsi in quello spazio fra due vagoni, dietro la membrana di gomma che sostituisce le pareti nella zona di passaggio. Ho trovato più horror quella singola scena che non tutto il film.
Forse è meglio prendere questo mezzo di trasporto con una predisposizione d’animo più tranquilla. Meglio rilassarsi con atmosfere più british, perché su un treno ci si può concedere anche un the con pasticcini e magari un omicidio o una scomparsa. il_mistero_della_signora_scd0bemparsa_28film29Ovvio che mi riferisco a Omicidio sull’Orient Express, però devo dire che su questo “stile” ho preferito Il mistero della signora scomparsa con l’adorabile zia Fletcher 😉
Ah, dimenticavo: oltre a tutto questo su un treno ci si può anche leggere un bel libro, magari ambientato su un treno… chissà se Books and details ha qualche consiglio in merito!

Villa Arzilla

youreonlyyoungtwice_005-1-640x357

Avete presente Flora e Cissie? Sicuramente no. Erano due anziane signore protagoniste di una sitcom britannica che trasmettevano nei primi anni ’90, su qualche tv locale. Mingherlina e delicata una, robusta e impetuosa l’altra: le loro avventure si svolgevano in una casa di riposo, fra the e pasticcini, pettegolezzi, piccole cattiverie e tante risate. A volte mi tornano in mente così per caso. Qualche tempo fa, invece, ho ripensato a loro visitando una villa abbandonata.
Era una delle prime giornate di sole dell’anno, dopo aver fatto una bella passeggiata in mezzo al verde raggiungiamo l’edificio: bello, imponente, ma con più di qualche acciacco.

33942640_1810504652305956_53187569323606016_n
Non appena girato l’angolo, ci accoglie un soffio: c’è un grosso biacco, lungo, nero e sollevato da terra per parecchi centimetri come a voler far credere di essere chissà che serpente. Stava prendendo il sole e noi l’abbiamo disturbato. Infastidito e risentito ha lasciato perdere le proteste e s’è infilato in una spaccatura.
Noi, invece, varcata la soglia della villa, ci siamo meravigliati della bellezza degli stucchi alle pareti. Ma, chissà perché, ancora prima di vedere il piano superiore e capire che questo posto doveva essere stato anche una sorta di ospizio, mi sono tornate in mente Flora e Cissie. Le ho viste lì sedute, a chiacchierare.

comb

Salendo le scale si trovano stanzette arredate con letti d’ospedale, ciascuno affiancato dal proprio mobiletto. Ci sono sempre gli stucchi che decorano le pareti, ma ci sono anche tanti, tanti fiori di plastica, ogni mazzo in un vaso, ogni vaso vicino a un letto vuoto. Qui dentro la bellezza e il kitsch vanno a braccetto creando un contrasto strano e forse buffo.

33691413_1810512512305170_8079028243363004416_n

33791084_1810505255639229_2248379220126334976_n

Cosa si ottiene sommando stucchi antichi e fiori di plastica? Carta da parati come quella che c’era nella casa di riposo di Flora e Cissie. E poi, ipotizzando che in questo posto ci vivessero persone anziane, l’associazione mentale (nella mia mente) è naturale.

youre_only_young_twice_1977

Continuando a salire le scale, i letti e i fiori di plastica spariscono. Resta solo la grande bellezza di quella che un tempo fu una nobile dimora.

33836570_1810512932305128_6224639069222076416_n

Nonostante tutto però, uscendo da questo luogo a sua volta anziano e morente, resta appiccicata la colorata, polverosa spavalderia di tutti quei fiori che di appassire proprio non ne vogliono sapere.

Le ricerche sulla storia di questa villa e sul suo utilizzo non hanno ancora dato frutti.
Villa Arzilla è un bel nome inventato, preso a prestito da un’altra sitcom, questa volta italiana, che guarda caso parlava sempre di vecchietti ospitati in una villa.

Ci sono altre meravigliose stanze: ecco l’ALBUM COMPLETO

 

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑