Ricerca

Le storie della mala notte

esplorazioni, racconti e visioni per fare sogni inquieti

Tag

racconti

Voci perdute (73, 51, 88)

Erano i miei anni del liceo, tempi di levatacce e di lunghi viaggi in corriera attraverso campagne sonnacchiose. I pomeriggi erano per lo studio, la musica a tutto volume e la tivù qualche volta. Facevo zapping, davo occhiate veloci a “Non è la Rai” perché…, chissà perchè, mi sarebbe piaciuto somigliare a Miriana. Il telefono era uno e fisso, quello di casa, mi appollaiavo lì per dettare la versione di latino a Nicola e per ridere, ma non si poteva restare troppo ché andava su la bolletta e poi la linea restava occupata. Sempre, dopo cena, correvo in camera ad accendere il CB, una cosa che appena qualche mese prima non sapevo nemmeno esistesse. Era stata la prof di lettere a raccontarci, per caso, di radio e microfoni e antenne sui tetti che sembravano scheletri di ombrelli. Ne ero rimasta affascinata e poi, come succede quando le cose nuove decidono di entrare nella tua vita, ne sentii parlare ancora e decisi di assecondare il destino. Tutto merito di un ragazzotto, venuto a fare alcuni lavoretti lì dai miei: mi raccontò di amici dai nomi strani con cui chiacchierava al CB, disse che ne aveva uno da vendere, antenna inclusa. Così entrai in quel nuovo mondo fatto solo di voci, il mondo del CB, detto pure baracchino, radiotrasmittente.

Era la stessa radio che hanno i camionisti per parlare fra loro, ma a quei tempi trovavi in linea chiunque. Adolescenti, ragazze e ragazzi, o gente un po’ più grande che già guidava e s’era installata il CB in auto, con l’antennone lungo che spuntava dalla cappotta. C’era questo gran chiacchierare, un gran bailamme su ciascuno dei 30 canali della banda di frequenza utilizzabile, la banda cittadina, citizen band, CB, appunto. La tua voce, e quelle che ascoltavi, coprivano un raggio di poche decine di chilometri. C’erano le voci che ritrovavi ogni sera, quelle che conoscevi per il tempo di due parole prima che sfrecciassero via per sempre, quelle gracchianti per i disturbi, che decifravi appena e poi affogavano nel mare di interferenze. Il mio canale era il 19, tenevo un’agenda su cui segnavo data e ora e i nomi di chi entrava in ruota, nella conversazione.

Penna Rossa, Elvox, Manuel, Libellula, Titti, Memphis, Rascal, Sorcio (sì), Pantera, Viper, Baracca e altri che meritavano il premio fantasia: Califfo, Volpe astuta, Veliero, Bavaria, Kabubi. Non ricordo di cosa si parlasse, stupidaggini. Non dovevi mai dire il tuo nome, vietato fornire indirizzo o numero di telefono, ma ogni tanto ti accordavi con qualcuno per fare una verticale, il fatidico incontro dal vivo. E allora c’era da stabilire dove e quando con messaggi in codice, per non far capire nulla a chiunque fosse lì sotto, silenzioso, in ascolto. A volte ti dimenticavi che le conversazioni le poteva ascoltare chiunque.

Una volta accettai di conoscere un ragazzo con cui parlavo da un po’, il suo nomingnolo al CB era Pop Corn, sì, semplicemente Pop o “il Pop”. L’appuntamento era davanti a un bar che proprio quel giorno scoprii essere chiuso per ferie. Poco male, ero arrivata prima io e restai ad aspettare. Di lì a poco arrivò un’auto, parcheggiò e ne scese un bel ragazzo che venne verso di me. Non poteva essere che lui, chi altri si sarebbe fermato a un bar chiuso? Gli feci un bel sorriso e dissi d’un fiato “Ciao, sei il Pop?”.
Fece una strana espressione e disse “no” e io, beh… imbarazzo paralizzante.
Ancora oggi mi vergogno. Anche adesso.
Mi chiese se ci fosse un distributore di sigarette lì e io continuavo a sentire solo “Ciao, sei il Pop?” che si ripeteva in loop nella mia testa. Il fantomatico Pop Corn arrivò poco più tardi: nulla a che vedere con il suo predecessore ma in ogni caso io ormai lo odiavo e volevo essere ovunque tranne che lì. Non lo rividi più, anzì sì, una volta in discoteca e feci finta di non conoscerlo. Gli adolescenti sono stronzi.

Di verticali ce ne sono state tante, ma la magia del CB era nelle voci senza un volto e di quelle ce ne sono state molte di più, ciascuna con una storia talvolta incredibile. Ogni tanto dal rumore di fondo, dal gracchiante QRM, saltava fuori una vocetta a sua volta gracchiante e dal fortissimo accento spagnolo. Era Concita, un’anziana signora che sapeva bene tenere a bada i bulli del CB che la insultavano. Non l’ho mai vista di persona, dicevano amasse passeggiare in Prato della Valle con un paio di cagnolini che abbaiavano un sacco. Una notte ci attardammo a parlare io e lei e mi raccontò della sua vita, del marito che non c’era più da tanto tempo. Avevano girato il mondo e fatto i lavori più strani, perfino in un circo. Mi raccontò vicende che io purtroppo non ricordo più, ma ricordo la sua voce e quell’atmosfera indefinita e sognante che le sue parole, con l’accento della vecchiaia mescolato a quello spagnolo, avevano evocato.

Il CB mi ha fatto compagnia per parecchi anni, più di una decina credo. Ho iniziato quando c’era un gran bailamme di voci su tutti i 30 canali e ho continuato anche quando una dopo l’altra quelle voci hanno smesso di farsi sentire. Negli ultimi tempi c’era il vuoto e il rumore di fondo sottolineava le assenze. Internet cominciava a entrare prepotente nelle case.
Un pomeriggio d’estate scoppiò un temporale che se la prese con l’antenna a scheletro d’ombrello che svettava sopra casa mia. Così giunse anche per me il momento di chiudere le trasmissioni, cosa che avrei fatto comunque di lì a poco. Era finita un’epoca e per me si concludeva qualcosa che mi aveva reso diversa: avevo conosciuto e ascoltato persone che nella mia vita di quei tempi non avrei mai avuto occasione di conoscere e ascoltare. Credo che quella radiolina nera in qualche modo mi abbia reso migliore e per questo la ricorderò sempre con riconoscenza.

Ah, volete conoscere il significato dei numeri nel titolo di questo articolo amarcord? Lo trovate qui, assieme a tutta la bizzarra terminologia CB

La torre di luce (ovvero un raccontino che non avrei mai pensato di scrivere)

Una storia del tutto inaspettata, scritta lanciando i dadi. Questi qui:

LA TORRE DI LUCE
Molto tempo fa, in un posto sperduto del mondo, c’era un villaggio. I suoi abitanti erano cacciatori, guerrieri, sciamani, discendenti di una grande tribù di spiriti liberi come il vento.
Un tempo erano stati nomadi senza radici e le loro dimore erano state sempre senza fondamenta. Lo erano rimaste anche dopo che la tribù si fu imbattuta nella Torre. Quando successe, gli sciamani dissero di accamparsi lì, tutto intorno. Prima o poi sarebbero ripartiti, quando fosse venuto il momento.
La Torre era altissima, quasi non si riusciva a vederne la sommità, saliva nel cielo, più in alto delle nuvole. Ogni anno poi, la notte del primo novilunio d’estate, la Torre emetteva un potentissimo fascio di luce che saliva su verso l’infinito, squarciando la notte.
Succedeva ogni estate, da tanto tantissimo tempo…tanto che la tribù aveva perso il conto dei noviluni rischiarati dal fascio di luce. Avevano perso il conto anche del tempo passato da quando il primo giovane coraggioso aveva tentato, senza riuscirci, l’impresa di arrampicarsi fin lassù, una sera del primo novilunio d’estate.
Gli sciamani avevano interpellato il fato lanciando le pietre della sorte: esse rivelarono che il momento di ripartire sarebbe arrivato quando si fosse trovato il prescelto. Il prescelto doveva essere il migliore, colui in grado di emergere dal gregge senza tornare mai a mescolarsi con esso.
Il prescelto, avevano annunciato gli sciamani, doveva essere colui che fosse riuscito nella grande arrampicata. Il prescelto avrebbe scalato la Torre, sarebbe arrivato in cima e dall’alto avrebbe visto il mondo e lo avrebbe compreso. Dall’alto avrebbe guardato dentro la Torre e avrebbe compreso. Poi sarebbe sceso, senza temere: nulla avrebbe parato la sua caduta, ma lui non sarebbe precipitato.
Furono innumerevoli i noviluni d’estate in cui giovani coraggiosi tentarono l’impresa. Iniziavano l’arrampicata con caparbietà. Ogni volta però alcuni di loro cadevano, altri, stremati si fermavano per lunghi momenti aggrappati alla roccia prima di cominciare a scendere giù. Nessuno mai era riuscito ad arrivare fin lassù.
Passarono tante estati, tante da perdere il conto, tante da dimenticare quando tutto fosse iniziato. Ma la notte in cui un giovane riuscì finalmente a scalare la Torre, tutti la avrebbero ricordata e poi raccontata per innumerevoli altre estati. Il giovane si arrampicò, abile come una formica sul muro. Arrivato tanto in alto, tanto più su del chiarore dei falò, non lo si poteva vedere più. Però non cadde mai, e continuava a non cadere.
Lo videro quando la Torre emise il fascio di luce: videro la sua sagoma scura stagliarsi lì in alto, avvolta dal fascio luminoso. La sagoma scura sembrava farsi grande, le braccia alzate verso l’alto: il giovane sembrava voler salire ancora più su di dove già era arrivato. E così avvenne. Lo videro volare nel cielo, trasportato dal fascio di luce.
Il prescelto aveva visto troppo, compreso troppo, dissero gli sciamani. Non avrebbe potuto tornare a rivelare verità troppo grandi. Le entità superiori , dissero gli sciamani, lo avrebbero fatto diventare uno di loro.
Il giorno dopo la tribù si rimise in viaggio: abbandonarono la Torre e non la rividero più. Le entità superiori si erano prese il loro prescelto, ma avevano donato loro lo spirito dell’Uomo che Sale nel Cielo che avrebbe ascoltato le loro preghiere e guidato dall’alto i loro passi.

Sotto un salice piangente

Nel giardino di un mio compagno di scuola c’era un salice piangente. Lo ricordo grandissimo, ma le cose sono sempre grandi nei ricordi di quando si era piccoli. Si giocava tutti assieme a correre fra quei suoi rametti d’argento che scendevano giù come piccole liane, e quella era una giungla e noi eravamo tarzan, tutti quanti. Il salice piangente è il mio albero preferito da allora, perché ci puoi andare dentro e lui ti avvolge, ti abbraccia, ti accoglie sempre. Ho un ricordo felice di un albero dal nome triste e questo rende tutto malinconico. E mi piace ancora di più.
Sono un vecchio ricordo e considerazioni  che riaffiorano proprio in questi giorni, perché le coincidenze della vita mi hanno portato a ripensare a questo albero gentile.
Il primo gennaio passeggiavo lungo un argine alto e ho notato un salice piangente più giù, chino sulla sponda del corso d’acqua e su un grosso macigno che non sembrava essere lì per caso. Scesa a vedere ho scoperto che, dalla parte rivolta all’acqua, il blocco di pietra riportava parole tristi in memoria di Francesco.

img_20200101_161031.jpg

Non so chi fosse, immagino un bambino. Forse giocava come facevo io da piccola fra le liane sottili che non sono riuscite a dargli appiglio, una volta scivolato in acqua. I bambini sono tristi, e un po’ lo sono anch’io. Ho lasciato il salice, il masso e il ricordo di Francesco quando il sole stava calando.
Un paio di sere prima avevo giusto cominciato a leggere una storia di salici inquietanti e di un corso d’acqua ben più grande. Ora lo leggerò più lentamente, per stare più a lungo sotto le fronde del mio albero preferito.

 

Storie come non le avete inventate mai

n_800_rsc01_product_2L’ispirazione non manca, a volte però manca la storia nuova, inaspettata, quella che non pensavi avresti inventato mai. Per lasciare decidere alla sorte quale sarà la tua prossima storia basta lanciare un dado, anzi… 9 dadi. Sono i Rory’s Story Cubes: cercavo qualcosa del genere dai tempi in cui partecipai a uno spassoso concorso letterario in cui dovevi scrivere un pezzo di storia per volta, ogni volta che settimanalmente veniva estratta una carta. Non appena ho visto questa adorabile confezione di simpatici dadi me ne sono innamorata. Si può giocare da soli o in compagnia, davvero non ci sono regole ed è un modo creativo di passare il tempo, anche sotto l’ombrellone come è successo a me per la storiella bizzarra che troverete nei commenti. Io ho lanciato i dadi e poi li ho ordinati nel modo che vedete per scrivere la mia storia.

64241652_2352729238083492_5607378494133633024_n

 

Vi va di provare? Le figure da utilizzare sono quelle che vedete ma potete scegliere l’ordine che volete. Scrivete la vostra storia nei commenti, magari specificando quale dado entra in scena in un determinato momento. L’unica regola è che li dovete utilizzare tutti e 9! Buona creazione, buona scrittura e buona lettura! (postate le vostre storie nei commenti, comincio io con la mia)

Fuori crepe, dentro colori

Visitando questa casa ho ricordato un libro leggendario letto anni fa. Perché leggendario? Perché è uno dei libri più bizzarri che mi siano mai capitati fra le mani e 417pvnqkzxl-_bo1204203200_perché adesso è praticamente introvabile. Il titolo è “Casa di foglie” racconta mille cose e parla anche di una casa che è più grande dentro che fuori. Impossibile? No, e se ci penso bene un posto del genere lo si trovava anche in un fumetto della serie ESP (che nessuno conosce a parte me  credo…).

Questa casa l’hanno cercata, raggiunta, esplorata e fotografata in molti e nessuno può dire che sia più grande dentro che fuori, ma la cosa che diranno tutti è che dentro sembra esplodere. Esplode di colori, pazzia, divertimento, feste, feste, feste.

Sembra di sentire ancora la musica, il baccano. Tutto questo è racchiuso da pareti che all’esterno non lasciano trapelare nulla. Nessuno direbbe mai che quel grande caseggiato dove un tempo abitavano famiglie di contadini, custodisca un altro mondo. Fuori ci sono i mattoni e le crepe, c’è la stalla, la porcilaia e il caseificio. Fuori ci sono le testimonianze di un passato ormai un po’ lontano, fatto di lavoro. Lavoro sotto il sole, campagna sterminata, stalle, odore di latte. Poi tutti se ne sono andati e il posto è rimasto vuoto.

38834098_1914311148591972_4096519899751383040_n

38884782_1914310755258678_1057752365131628544_n

Le case soffrono quando vengono abbandonate, si lasciano andare, si arrendono al tempo, ma questa volta le cose sono andate diversamente, almeno per un breve periodo.

C’era un gruppo di amici, c’era la voglia di far festa. Così, quasi per gioco, in quelle vecchie stanze abbandonate iniziarono le feste,  per poche persone.

38775447_1914309951925425_5766021834289971200_n

Poi si sparse la voce ed esplosero i colori, la musica: a Cà dl’Ostia, così venne chiamato il posto, volevano andarci tutti. Gli anni ’90 erano agli sgoccioli e il 2000 venne accolto con una grande festa: 250 persone erano riunite lì a festeggiare il capodanno.

38771785_1914310241925396_828386839348903936_n

38768541_1914310071925413_8377364041907044352_n

38862693_1914310985258655_1735352935761575936_n

Ora quelle feste speciali, fantastiche, vivono nei ricordi di chi le organizzava e di chi vi prendeva parte. Ne resta però la traccia, impressa nei colori sgargianti delle pareti destinate a crollare.

38776708_1914310165258737_6767805355305992192_n

Altre foto di questo luogo davvero insolito le trovate QUI

La casa strana

“Alla fine avevamo tirato sera senza combinare granché, ma la colpa era del caldo mica nostra. Uno pensa che lì all’ombra del monte sia un po’ più fresco, ma la calura si era appiccicata alle pareti della casa e sulle travi e addosso a me e a Mario. Si è potuto respirare solo quando il sole ha cominciato ad andare giù.

30714291_1771072736249148_3359965633058963456_n

Ci siamo bevuti un paio di birre e più passava il tempo più si stava bene seduti a fare quattro chiacchiere. Passava il tempo e si faceva buio e la birra scendeva e il sonno saliva così pesante da tenerci incollati lì. C’erano un divano e una branda e cos’altro dire? Ci siamo addormentati in quella strana casa che ormai facevi prima a buttarla giù e a costruirla nuova che a ristrutturarla.

30726070_1771072526249169_1263831853840728064_n

Ero sprofondato in  un sonno di quelli che ti fanno dimenticare chi sei e dove sei, di quelli che quando ti svegli non capisci più niente. Mi svegliai tossendo come se avessi il fuoco in gola e capivo solo che stavo morendo e che il fuoco c’era davvero. Non vedevo niente, mi bruciavano gli occhi e andavo a sbattere. Mario s’era alzato pure lui e tossiva. La porta era a un passo ma ci mettemmo una vita a trovarla fra tosse e bestemmie. Fuori corremmo e finimmo a terra, gli occhi bruciavano da matti ma riuscimmo a vedere il fuoco lassù, sulla torretta. Le fiamme facevano luce e rumore e caldo. Arrivò la gente urlando, arrivarono i pompieri e i carabinieri. Sembrava l’inferno, sarebbe stato l’inferno se il monte secco avesse preso fuoco. Il maresciallo ripeteva le stesse domande, ci credeva due sbandati. Le fiamme illuminavano i volti di tutti, sembravamo le anime dell’inferno. I pompieri ci misero quasi tre ore a spegnerle. Quando tutto finì, la casa strana era diventata ancora più strana: mezza bruciata, mezza in piedi, con quelle statuette in alto che sono rimaste a guardare lontano. Noi ce ne andammo. Ogni tanto mi capita di passare da quelle parti e di vederla in lontananza ma non riesco mai a osservarla troppo a lungo.” 

30729219_1771073072915781_8909342225947688960_n

Le cose sono andate più o meno così. La casa strana è un edificio degli inizi del novecento. Il proprietario si è trasferito altrove, ma per un po’ di anni qui ci sono vissute ben tre famiglie. Poi è venuto il tempo dell’abbandono. L’incendio è scoppiato una notte d’estate e si è mangiato le strutture in legno. Tutta la colpa sarebbe stata di un corto circuito della linea elettrica. La torretta che abbelliva la casa ha subito i danni maggiori, lo spavento più grande lo hanno avuto le due persone che dormivano al piano terra, la preoccupazione più  forte è stata quella degli abitanti della zona che temevano il propagarsi delle fiamme su tutta la collina. Ora tutto è finito, la vita va avanti, si guarda oltre così come ci insegnano le statuette che scrutano l’orizzonte dalle sommità delle mura sopravvissute.

Le altre foto le trovate in questo ALBUM

30708468_1771071909582564_9022870581086781440_n

Un breve racconto di fumo e di morte

L’ambientazione per questo racconto l’ho trovata anni dopo averlo scritto, in una casa abbandonata. Eccola, la stanza.

LA STANZA

di Elena Lazzaretto

Passava le giornate a fissare il soffitto alto della sua stanza. Lo guardava finché c’era luce, con un braccio fuori dal letto, due dita ossute a reggere svogliatamente la sigaretta. Ogni tanto la portava alla bocca: il tempo di un respiro e il fumo saliva al soffitto accompagnando i ricordi, uno ad uno. La vita, sì, la rivedeva tutta quanta aleggiare lassù sopra il letto. 

Poi veniva la sera. Il soffitto lentamente spariva e la stanza si trasformava, i contorni degli oggetti, le pareti, gli spigoli dell’armadio diventavano indefiniti. 

Era stato lui stesso ad imporre che nella sua stanza non venissero accostati gli scuri, di notte. Questa volontà si era nel tempo andata ad aggiungere a mille altre sue cosiddette manie che, lo aveva sentito con le proprie orecchie, gli erano valse il titolo di “vecchio capriccioso e bizzarro”. Non se ne curava. La luce della notte lo liberava dai ricordi, lo accompagnava gentilmente verso il dormiveglia.

Come ogni sera si mise a sedere sul letto. Una fiamma piccola e sfacciata comparve nella stanza, apparì e sparì, pochi istanti che gli illuminarono il volto.  Era la sua sigaretta preferita, l’unica che non fumava per noia. Un velo di fumo: era convinto di riuscire a vederlo. E poi uno squittio, era sicuro di aver sentito bene.

Da qualche giorno la stanza ospitava un nuovo inquilino che aveva fatto notare la propria presenza in modo discreto, solo di notte, soltanto a lui, non facendosi vedere ma squittendo garbatamente ogni tanto. Certo nessuno gli aveva creduto, dicevano che un topo non aveva nessun motivo per avventurarsi fin lassù. Ad Alda, la domestica, era comunque stato detto di piazzare una trappola dietro l’armadio. Lei lo aveva fatto borbottando: si rendessero conto una buona volta che il signore…sì, insomma…ultimamente andava farneticando cose strane, la vecchiaia, lo starsene sempre in camera, diceva addirittura che una donna andava a fargli visita lì, in quella stanza, durante la notte! Non si poteva dar retta a tutto quello che inventava e lei, Alda, aveva un sacco di cose da fare.

Il topo non aveva fatto scattare la trappola rafforzando le convinzioni della domestica.

A lui non importava, anzi meglio così: quello squittio lo faceva sorridere.

Poi arrivava lei, non tutte le notti però. Si sedeva sulla poltrona in fondo alla stanza, dove sembrava che tutte le ombre andassero a raggrupparsi, era il punto più buio. Non parlavano, o quasi. Era lui a rivolgerle la parola, la invitava ad avvicinarsi. Lei rifiutava sempre, con un impercettibile cenno del capo. Lui avrebbe voluto vederle il volto anche se aveva la certezza, assoluta quanto inspiegabile, che fosse bellissima. Non voleva addormentarsi, non mentre lei era lì, ma succedeva puntualmente. Si svegliava quando la luce era cambiata, quando nemmeno la stanza sembrava più la stessa. Non c’era più penombra, non c’era più lei.

Iniziava il  giorno, lungo, interminabile. Le sigarette erano  piccole clessidre che lo aiutavano ad accorgersi che il tempo passava, anche se non sembrava.

Alda entrava, puntuale, borbottando come sempre. Fumasse di meno, il signore, che la cenere finisce sulle lenzuola e le rovina…guardi qui che disastro! Dopo aver sistemato la stanza, Alda usciva, scuotendo la testa, come sempre.

Fu notte, nuovamente. Ebbe però la sensazione che fosse una notte diversa da tutte le altre. I rumori, gli odori: riusciva a distinguerli tutti, quelli che giungevano da lì, dalla sua stanza dagli ignoti scricchiolii che sapeva di fumo, e da fuori, al di là delle finestre socchiuse, oltre il parco, via dalla siepe a chilometri e chilometri di distanza in un altro mondo che gli sembrava di percepire, per la prima volta, quella notte. Era giunto il momento della sua sigaretta preferita e se ne dimenticò. Lei era lì. Una volta ancora le chiese di avvicinarsi. Lei non disse una parola, ma le sue mani lentamente abbandonarono il grembo.  Pur fissandola con attenzione infinita, non avrebbe saputo indicare il momento esatto in cui abbandonò la poltrona né l’istante in cui fu così vicina da poterla toccare. Riusciva a scorgerle il volto, adesso, e tutto il resto non contava più.  Non un fruscio la accompagnò mentre si chinava su di lui, nessuno avrebbe potuto percepire un suono provenire dalle sue labbra che si schiusero appena. Lui solo poté.   

Morì quella notte, in silenzio. Alcuni istanti dopo che il suo cuore si fu fermato, un rumore sordo e metallico  avvertì le pareti della stanza che  non ci sarebbero più stati squittii.

Alda non si risparmiò nel descrivere il suo anziano signore come una cara e degna persona, e non lesinò neppure svariate scontatezze. Fece tutto quanto richiesto dalle tristi circostanze e pensò, anche, una cosa che tenne per sé. Quando, un po’ incredula, aveva recuperato la trappola scattata su un topolino, si rammaricò per la poca indulgenza con cui aveva giudicato quell’uomo negli ultimi tempi. Magari quello che raccontava, la storia della donna che gli faceva visita di notte, era tutto vero, sì…perché in fondo chissà cosa vedono gli occhi di uno che sta per morire! Alda, tuttavia, abbandonò subito queste riflessioni, non era affatto curiosa di conoscere la risposta o, perlomeno sperava di averla il più tardi possibile. Ci fosse arrivata  lei all’età del signore! Spalancò le finestre ché chissà quando se ne sarebbe andato quell’odore di fumo.

La villa contadina

“Noi siamo fittavoli, lavoriamo il terreno tutto intorno, lavoriamo tanto e parliamo poco. La casa? è abbandonata al suo destino, ma un tempo c’eravamo noi. Qui ci vivevamo, sì, pagavamo l’affitto e per noi era casa nostra. Ci stavamo in quattro fratelli con le nostre famiglie, eravamo in 23, abitavamo anche una casettina là fuori che sembra poco più di una baracca.

29260918_1737899739566448_1664284223583813632_n

29261909_1737900419566380_85733152160481280_n

Noi questa casa la volevamo comprare, ma i signori dicevano che non si può. Ha un grande valore affettivo, dicevano, è un caro ricordo materno, dicevano, è impossibile separarsene. Così noi ci siamo rimasti fino agli anni ’90, poi a malincuore abbiamo fatto fagotto e ci siamo trasferiti poco più in là. La terra continuiamo a lavorarla come un tempo.

29314012_1737900176233071_6416086815534481408_n

 

29257518_1737900706233018_9056369152742129664_n

Lì dentro sono rimasti i nostri ricordi, assieme a un po’ di cianfrusaglie, alle credenze con ancora la bottiglia di vermouth e quella di crema marsala che ci facevamo il vov con le uova e tutto il guscio per tirarci su.

29313585_1737899779566444_7887868032226164736_n

29339625_1737899799566442_3420346095782330368_n

Che se la tengano quel po’ di roba che abbiamo lasciato, così come hanno voluto tenersi tutto quanto solo per lasciarlo andare in malora. Ora la casa è passata in eredità alle figlie dei vecchi proprietari, sono quattro sorelle e si sa come vanno queste cose: non ci si mette mai d’accordo, le decisioni vengono rimandate, il tempo passa e i muri crollano. Non potevano vendercela per via del valore affettivo, avevano detto, ma a vederla com’è ridotta adesso non dovevano tenerci poi molto.

29261721_1738316902858065_7174757264698376192_n

Noi invece ci stiamo male anche solo a guardarla, per questo non la guardiamo nemmeno più, teniamo lo sguardo basso sulla terra che veniamo a lavorare e sugli attrezzi e sul volante del trattore.” 

29356374_1738317209524701_8605985795318218752_n

Ci ha salutati, è saltato sul trattore e ha continuato a fare quello che ha sempre fatto, lavorare. Non abbiamo saputo molto altro su questo posto. Non si sa bene a quale epoca possa risalire, forse la villa è successiva al 1600. C’è una targhetta annerita sulla facciata con qualcosa inciso: qualcuno, ci è stato detto, era passato a fotografarla per cercare di ricavarne informazioni, con quali risultati non si sa. Guardiamo il trattore allontanarsi e ci chiediamo chi mai avesse insonorizzato una stanza intera con le confezioni delle uova per farci una sala prove o una mini discoteca, queste però sono altre storie. Ma a proposito di uova con tutto il loro guscio, vi lasciamo una ricetta per fare il vov…se avete il coraggio provate! Nel frattempo ci sono altre foto su QUESTO ALBUM.

Ecco la ricetta per il LIQUORE VOV ALL’UOVO CON GUSCIO (presa dal blog giallozafferano)

Ingredienti:

  • 6 uova (di campagna o biologiche)
  • 6 limoni grandi
  • 4/5 cucchiai di zucchero
  • 500 gr di marsala secco

Preparazione:

Spremere i limoni e mettere il succo in un contenitore di vetro a chiusura ermetica . Lavare accuratamente le uova e porle nel succo di limone senza muoverle per 4 giorni. Trascorso il tempo indicato, aiutandovi con due cucchiai girare le uova e lasciarle per altri 4 giorni stando attenti a non romperle . Passati i 4 giorni rompete le uova lasciando il guscio, eliminando solo la pellicina bianca, delle uova nel succo di limone e frullare il tutto molto finemente. Aggiungere lo zucchero e il marsala e filtrare in un colino a maglie non fitte e imbottigliare. Conservare in frigorifero.

 

 

 

C’era una volta la fabbrica della carta

C’era una volta un monastero che poi divenne casa colonica che poi divenne cartiera. Si produceva carta paglia e carta da imballaggio, ma ci piace pensare che nascessero qui anche i fogli che poi diventavano pagine di libri illustrati.

27336987_1690695187620237_5583444290022323631_n

Dicono che qui ci siano i fantasmi, ma forse sono le ombre colorate di personaggi fiabeschi a scivolare da una stanza all’altra, attraverso le pareti.

27332696_1690690824287340_761643741457857705_n

27336620_1690685724287850_7600034803158494250_n

Potremmo immaginare che Cappuccetto Rosso sia uscito con un balzello dal libro che ci aspettava appoggiato ad una colonnina: chissà se lì dentro c’è la sua storia, chissà quale delle tante sue versioni (sapete che “Le Storie della mala notte” adorano le fiabe e le loro aggrovigliatissime radici? Se volete saperne di più sulle tante, sorprendenti, varianti della vicenda di Cappuccetto Rosso, ecco qui una bella puntata di Wikiradio tutta da ascoltare).

27460012_1690697200953369_6768864852039053482_n

La bambina vestita di rosso la vediamo con l’immaginazione, ma inseguendola ci imbattiamo in un lupo che c’è davvero, poi in un uomo cattivo e poi in creature malefiche e ghignanti che ci sorprendono da dietro le colonne.

27459075_1690697460953343_8986621026463426889_n

27332139_1690688024287620_1829667818554730738_n

27459968_1690686137621142_719330783666774535_n

Per fortuna ci sono anche supereroi e cavalieri. C’è perfino traccia di quel ragazzino tutto giallo che ha dimenticato qui il suo skateboard.

27337185_1690685947621161_4624342506885902814_n

27545717_1690693400953749_1724736744662870213_n

27072326_1690695727620183_6219642176888313873_n

A un certo punto, però, il mondo delle fiabe diventa reale. Dapprima è una sensazione, poi un suono dolce e gentile che si moltiplica per 10, 100…è un tranquillo belare di pecore. Ci affacciamo al terrazzino e loro sono lì, bianche e morbide che circondano la struttura abbandonata. Siamo circondati da un gregge intero, un pacifico assedio bianco. Cosa c’è di più inaspettato e anacronistico di un gregge di pecore? Quale incontro potrebbe essere più in tema di questo, mentre si esplora una fabbrica abbandonata con il cielo che si fa scuro? La magia delle fiabe esiste davvero.

27545377_1690691044287318_7784098740555357928_n

27655532_1690692954287127_6954135181174918999_n

La nostra Cappuccetto Rosso ci accompagna per altre mille stanze senza sollevare le montagne di fogli che ricoprono i pavimenti. A un certo punto salta a piè pari dentro un cerchio giallo disegnato per terra e sparisce. Il tour è finito. Dicono che mesi dopo la cartiera abbia preso fuoco: chissà che aspetto avrà adesso. Sarà un po’ meno colorata, forse. E i personaggi fiabeschi che ci abitavano? Sono sopravvissuti, loro sopravvivono sempre.   (Clicca QUI per vedere l’album completo)

27544683_1690691300953959_5621243275195032416_n

27332494_1690687917620964_6266075017610014287_n

Blog su WordPress.com.

Su ↑