Cerca

Le storie della mala notte

esplorazioni, racconti e visioni per fare sogni inquieti

Categoria

casette

Siamo i ribelli della montagna

67228558_2435198296503252_2679338596544020480_n

«Siamo i ribelli della montagna
viviam di stenti e di patimenti
ma quella fede che ci accompagna
sarà la legge dell’avvenir.»

Un covo di ribelli, un luogo di ritrovo dove si scrive la legge dell’avvenir. L’impressione è stata questa, entrando in questa casa.

67316147_2435198053169943_5532366817294548992_n

Si respira la protesta, si sente il chiacchiericcio anarchico della sera e qualche nota di chitarra,  un canto e l’odore di fumo.

67298147_2435198533169895_4902886858385522688_n

Poi se ne sono andati tutti e non si sa il perché. Resta qualche vestito e sopravvivono, nelle pareti, testimonianze di un’arte antica, ancora aggrappata alla roccia.

67512339_2435198483169900_2719396665592119296_n

67249753_2435197999836615_4127449037286670336_n

67524497_2435197816503300_7402965988284563456_n

Altre foto di questo luogo bizzarro si trovano in questo ALBUM

67497328_2435198109836604_8943757734466027520_n

La casetta degli sposi

Questa casetta un tempo è stata un nido d’amore: piccola, isolata, disposta su due piani. Deve essere stato bello viverci, i primi tempi, prima che il tempo corresse troppo avanti, troppo in fretta.

All’inizio ci viveva una coppia di sposi, erano felici.

Beh, forse non proprio loro, però ci piace immaginarli così perché questa casa è anche un po’ bizzarra, come quella del FILM da cui è tratto questo fotogramma. Perché bizzarra? Si entra dal piano terra, affacciandosi subito a quello che poteva essere un salottino. C’è ancora una di quelle poltrone grassocce, quelle in cui l’uomo di casa può sprofondare leggendo il giornale (sempre che riesca a ricordare dove ha lasciato gli occhiali).

Da qui si raggiunge una piccola cucina dove, nel frattempo, la moglie sta preparando un delizioso pranzetto.

Ma quante volte succede che, quando tutto è pronto in tavola, manchi un coltello o una forchetta? Forse uno spiritello dispettoso ha nascosto le posate, ma di certo ce ne sono un sacco nella sala da pranzo, quella bella dove si ricevono gli ospiti.

Questa sala è bella… in modo strano. Guardate che colori! Le pareti di un verdemare molto intenso, i mobili di legno scuro dagli interni porpora e poi ancora il termosifone dipinto di rosso come pure gli infissi. Per sentirsi in un film di Tim Burton basta stare qui dentro, magari al centro della stanza e fare una piroetta. Forse potrebbe anche arrivare uno spiritello.

Gli sposini nel frattempo osservano tutto. Loro sono qui presenti, in ogni angolo. Vicino a una vecchia tovaglia c’è anche il “barometro matrimoniale” per lanciarsi messaggi, per non arrabbiarsi e perdonarsi sempre.

Altra bizzarria di questa casa è che la camera da letto è al piano superiore e per raggiungerla bisogna uscire e fare le scale esterne. Scopriamo che la nostra coppia di sposi, oltre che innamorata, era molto devota.

 

Quando è arrivato un pargoletto, marito e moglie hanno ragionato e discusso: questa casa è piccola e scomoda, non ci si può stare più! Così, alla fine, hanno deciso di cercarne un’altra e andare via. Però hanno dimenticato qualcosa, lì nella scatola, sopra l’armadio, ben piegato: il vestito da sposa.

O forse è stato uno spiritello dispettoso a nasconderlo, perché voleva tenerlo per sè?

Adesso qui ci viene lui solo, di notte, a giocare.

Quello che possiamo dire noi è che questa casetta è parecchio malconcia: a occhio e croce sarà abbandonata da almento vent’anni. A giudicare da certe crepe sulle mura, forse il motivo dell’abbandono potrebbe essere legato a cedimenti strutturali, ma queste sono tutte ipotesi. Non siamo riusciti a sapere nulla di quella coppia di sposi che un tempo è vissuta qui. Auguriamo loro di essere sempre felici e che ogni giorno sia bello come quello del loro matrimonio.

Le altre foto di questa casetta le trovate QUI.

La casa anni ’80

Siamo capitati qui per caso, quasi perdendoci fra argini e campi sconfinati: è una casa contadina, con un grande spiazzo sul davanti, il cosiddetto “seese” dove immagino stendessero al sole il granoturco una volta sgranato. Di fianco c’è una grande stalla vuota. Cercando indizi sulla storia di questa casa ci siamo imbattuti in vicende di partigiani e rappresaglie, ma l’aria che si respira dentro è di qualche decennio dopo. Questa casa ha deciso di trattenere fra le sue mura brandelli di vita di una famiglia, così com’era negli anni ’80.

23754743_1620374007985689_948543872746861228_n

Era una famiglia di quattro persone: mamma, papà e due ragazzi che avranno dieci e quattordici anni. Nella foto che ho trovato in terra, rovesciata, siedono al tavolo. Pranzano o cenano non so, è estate: i ragazzi hanno maniche corte, il papà la canottiera e la mamma uno di quei vestiti di stoffa stampata senza maniche. Sembrano felici, è una bella foto e io l’ho fotografata ma non la pubblicherò. In quella cucina è rimasta una montagna di piatti da lavare:

23621746_1620373734652383_5256971444602586311_n

Per terra c’è una tazza. Lo so, a molti di voi non ricorderà nulla…ma nel vederla è salita l’alta marea della nostalgia. Ne avevo una uguale, da bambina: era la mia tazza della colazione. La si comprava al supermercato, piena di Nutella. Io ci bevevo il caffellatte prima di andare ad aspettare lo scuolabus.

23659617_1620374247985665_3508407941865437680_n Al piano di sopra troviamo ciò che resta delle camere da letto e, sparsi sul pavimento, altri fossili di quegli anni dell’infanzia, quando le confezioni di merendine nascondevano un tesoro in una scatolina di cartoncino.

23622221_1620373707985719_8436369302737852264_n

Chissà dove sono ora quei ragazzi e se ricordano questi simboli della loro infanzia. Se vi va di vedere altre foto di questa casa, ecco l’ALBUM COMPLETO.

La casa di Halloween

Questa è una casa che giace adagiata lungo un sentiero, come se qualcuno di passaggio l’avesse gettata lì.

23032751_1604019972954426_6603467607109612344_n

Diroccata e avvolta dalle piante rampicanti sembra un insignificante cumulo di vecchi mattoni, ma noi siamo a conoscenza delle spaventose creature che la abitano e senza paura le andiamo a salutare. Entriamo e squittii, ruggiti e ragnatele ci accolgono nel loro mondo dalle pareti rosse.

22894228_1604019952954428_4382246779265440283_n

22894466_1604020139621076_9124680395528940412_n

23130737_1604019466287810_9040892405546121959_n

Non sappiamo nulla della famiglia che un tempo viveva qui, ma ci piace pensare a un ragazzino tanto appassionato di mostri da volerli sempre con sé, nella propria camera da letto. Erano compagni di gioco che si staccavano dalle pareti non  appena, di notte, cominciavano i sogni, quelli avventurosi.
Chissà quanti anni ha ora quel ragazzo e dove vive, chissà se gli piacciono ancora i mostri e se ripensa ai suoi vecchi amici quando per le strade, ad Halloween, incontra piccoli mostriciattoli.

Io lo ringrazio, perché è per merito della sua stanza che è nato il mio racconto “La casa del fuoco” (lo trovate fra le pagine di QUESTO LIBRO)

Le case crollano, ma i posti magici viaggiano. Buoni mostri a tutti.

(PS. altre foto le trovate su QUESTO ALBUM)

23031524_1604019776287779_4744820229904315414_n

Nel borgo di case e gatti

Ci sono le colline e un corso d’acqua, c’è una villa dal grande giardino, c’è una strada tutta curve, ci sono automobili che sfrecciano veloci, incuranti della solitudine del borghetto. Le case sono fatte di pietre antiche e di finestre chiuse. Una di esse si affaccia proprio sulla strada: un involucro vuoto con la vita frettolosa che gli passa davanti. Fuori scorre il presente. Dentro restano intrappolati brandelli di passato.dsc_1556

dsc_1557

Fuori esplodono i colori dell’autunno. Dentro le riviste raccontano vecchie storie e i quaderni delle vacanze testimoniano che il bambino Luca aveva sacrificato agli impegni scolastici qualche ora dei suoi spensierati pomeriggi estivi …

dsc_1569

dsc_1568 dsc_1563

Nello stanzone buio che dà proprio sulla strada c’è un vecchissimo televisore. Sta di fronte al portone chiuso, come a fare la guardia. Le macchine che passano fuori, ad appena mezzo metro di distanza, provocano uno spostamento d’aria che fa oscillare rumorosamente il portone. Un rumore preso in prestito dall’esterno, di tanto in tanto, regala a questa casa l’illusione di essere ancora abitata.
dsc_1577

Usciamo e nei dintorni ci sono altre case abbandonate che si appoggiano, stanche, ai propri resti.

dsc_1592

E poi ci sono i gatti, guardiani silenziosi che vigilano, che osservano. Sembrano comparire dal nulla, sfuggenti come gli spettri. Ognuno davanti a una casa.
Uno di loro ci invita ad entrare nella sua dimora. Grassoccio ma agile, ghiotto di carezze, lo chiamiamo Tom Bombadil. Lui non ha niente da obiettare. Scavalca la finestra insieme e noi e ci mostra la sua cucina.

dsc_1596

dsc_1593

Tom Bombadil ci accompagna al piano superiore correndo su per le scale di legno. Ci vediamo tutti riflessi nel grande specchio sull’anta aperta del vecchio armadio. L’ultima luce del giorno che si lascia catturare dai cristalli del lampadario ci ricorda che presto farà buio, che è tempo di andare.

dsc_1603

dsc_1600

Usciamo e salutiamo Tom Bombadil promettendogli di tornare: c’è ancora un’altra casa da visitare, la “casa di Halloween“… ma questa sarà un’altra avventura.

Allontanandoci dal borgo e dai suoi gatti mentre la nebbia comincia a salire, pensiamo che questo posto non è abbandonato, ma solo vittima di un incantesimo. Gli abitanti sono stati trasformati in gatti e continuano ad vivere qui, nelle loro case che però non possono più curare come un tempo.

Vedi su Facebook l’ALBUM COMPLETO

Blog su WordPress.com.

Su ↑