Ricerca

Le storie della mala notte

esplorazioni, racconti e visioni per fare sogni inquieti

Categoria

urbex

A Natale niente shopping

Era una giornata di freddo e sole di inizio anno. Le feste erano passate da poco e nel loro strascico si insinuava una insolita incertezza destinata a trasformarsi, nei mesi a venire, in una nuova difficoltosa realtà. Le misure restrittive e le chiusure erano ancora ipotesi. Quel giorno noi raggiungevamo il centro commerciale.

Il parcheggio deserto incorniciava la desolazione tipica delle zone industriali. Fra serrande abbassate e porte chiuse, l’unico negozio sopravvissuto si esibiva stanco attraverso una vetrina spoglia. Passammo davanti al negozio aperto e a quelli chiusi, lungo tutto il perimetro, fino a trovare una porta a vetri socchiusa e dietro di essa una serranda non del tutto abbassata. Strisciando là sotto fra sporcizia, volantini e vetri rotti, iniziò la nostra giornata al centro commerciale. Gli scaffali vuoti del supermercato e i carrelli abbandonati in disordine li avevamo già visti in tanti  film e c’era da aspettarsi, senza troppa originalità, di vedere uno zombie sbucare fra una corsia e l’altra.

Invece no, lì dentro c’era qualcun altro. Zitti e fermi, ascoltammo rumore di vetri rotti, echi metallici, rimbombo di lamiere. Risate e voci tipiche di ragazzini che hanno ancora la voce da bambine. Il silenzio che di solito avvolge le esplorazioni questa volta non sarebbe stato con noi, ma non si può pretendere silenzio in un centro commerciale, anche se abbandonato.

L’incontro è avvenuto dove approdavano immobili le scale mobili, al piano superiore. Ce li siamo trovati davanti: noi con le macchine fotografiche, loro con le spranghe di ferro, noi in due e loro otto o nove. Erano un bel gruppetto variegato, con le facce da Goonies o Stranger Things, c’era quello un po’ più alto, quello cicciottello, quello con gli occhiali. Erano lì che si divertivano a spaccare tutto, naturalmente, ed erano perfino un po’ sudaticci.

“Ci servono per difesa, perché non sappiamo chi possiamo incontrare qui dentro” disse quello furbetto. Per un momento ho provato a pensare a quei teneri diavoletti che prendevano a sprangate qualcuno, ma non ci sono riuscita. Gli ho chiesto se ci fossero cose belle da fotografare, e mi hanno guardato strano. Giustamente in effetti. Loro entravano ed uscivano direttamente da quel piano, ci hanno detto, era tutto spalancato.

E così abbiamo fatto noi alla fine, senza dover più strisciare come bisce fra sporcizia e vetri rotti. Ci siamo lasciati con un tacito accordo di non belligeranza: noi a fotografare, loro a cercare qualcos’altro da colpire. Fra le foto che ho fatto quel giorno mi sarebbe piaciuto farne una anche a loro. 

Altre foto in questo ALBUM

Asylum #1: le mie esplorazioni

“Nido del cuculo” nel gergo statunitense è sinonimo di manicomio. L’ho scoperto da poco, su Wikipedia. Pensavo che il titolo del film fosse una metafora, un riferimento letterario che non conoscevo. È un bel nome per qualcosa che releghiamo nel mondo degli incubi. Un nido evoca protezione, sicurezza, affetto, calore. Il cuculo è un simpatico uccellino. Chissà da dove arriva l’accostamento ai manicomi. Chissà cos’erano poi, davvero, i manicomi.
Al manicomio ci siamo stati tutti, ci siamo entrati attraverso lo schermo di un cinema, il monitor di un televisore, abbiamo gironzolato fra i pazzi e le loro urla, abbiamo visto qualcuno di loro subire l’elettroshock o, peggio, quell’intervento agghiacciante, la lobotomia.
Ci siamo affacciati per pochi minuti, il tempo di una scena, di qualche inquadratura, nella stanza per l’isolamento: quella con le pareti imbottite e la porta spessa, con una finestrella che ogni tanto inquadrava per pochi attimi lo sguardo dell’infermiere.

Visitare un ex manicomio o un edificio che un tempo fu un ospedale psichiatrico gestito da suore è come scavalcare schermi e monitor portandosi dietro tutto ciò che sappiamo, o crediamo di sapere, su quei luoghi. Ci si porta dietro un bagaglio pesante di suggestioni e emozioni. È un’esperienza forte e in un certo modo spirituale.

Anni fa ho visitato un ex manicomio, ora abbandonato. Era un complesso di tanti edifici distribuiti a ventaglio intorno a una chiesetta, tutto all’interno di un parco enorme.
Ho trovato letti vuoti e materassi ammassati, stanzoni spogli, pile di piatti, e un lavandino divelto che qualcuno non ha avuto la forza di lanciare contro la finestra per scappare, imitando Jack Nicholson.

Ho varcato soglie che davano su un mare di carta, fogli che invadevano anche i corridoi, fogli che riportavano la lista delle cure effettuate ai pazienti. Fra le cure ce n’era una che si ripeteva più e più volte, scritta così “fatto insulina”. Possibile che ci fossero tanti diabetici? No, l’insulinoterapia era un trattamento psichiatrico usato in alternativa all’elettroshock: ideato dal neurologo Manfred Sakel, serviva a far entrare il paziente in coma controllato. Li facevano entrare in coma, per farli stare buoni.

In questa struttura veniva praticato anche l’elettroshock e si racconta che da qualche parte, in uno di quei tanti edifici diroccati, ci sia ancora la saletta con l’attrezzatura.
C’erano gli edifici per le donne, per gli uomini, separati a seconda della loro condizione più o meno grave, più o meno curabile. C’era anche il reparto bambini e a questo i film non ci hanno preparato. I bambini riusciamo a immaginarli al massimo in un orfanotrofio, ma in un manicomio no, non ci si può pensare.

Sensazioni simili le ho provate qualche tempo dopo, in un ospedale psichiatrico situato nei pressi di un convento suore. Preghiera e malattia, solitudini cercate e imposte che convivono per forza. Ho camminato sotto gli archi del chiostro fra fantasmi di suore che passeggiavano in coppia.

Ancora una volta ho attraversato grandi stanze vuote, sbirciando sui fogli sparsi a terra.

Una penna stilografica e una calligrafia che appartiene a un altro tempo, avevano annotato le spese relative a un carro funebre. La funzione si sarebbe svolta nella chiesa adiacente, abbandonata anch’essa.

Qual è la natura del fascino oscuro che questi luoghi esercitano su di me, su molte altre persone come me? Forse la consapevolezza che le loro vere storie, che sono tante tantissime, resteranno segregate e segrete per sempre.

Stasera alle 21.00 ci si vede su Instagram

Se il mondo che avete sbirciato dalle pagine di questo blog vi incuriosisce, stasera non potete mancare. Cercate su Instagram il mio account (Lazzaladra) oppure Books_details. Parleremo del mio libro fantastico, di genere e di fatto, L’arte delle gocce rossee di tutte le cose bizzarre e curiose che sono fonte di ispirazione quando scrivo. Fuggiremo lontani dalla realtà. Poi torneremo per sorseggiare un cordiale, assieme a Cosmas e Vertov.

33864155_1810510078972080_5520751653768134656_n

Orfanotrofio per adulti

C’era una volta una grande casa che ospitava ragazzi e ragazze, giovani non più bambini. Andrea, Marco, Matteo, Lisanna, Marta, Jarno e molti altri hanno vissuto lì per un po’ di tempo, insieme, per forza.

97540774_3055278164495259_2466954980607655936_n

Le le loro storie se ne sono sono andate via con loro, tanto tempo fa. Fra quelle pareti sono nate grandi amicizie, forse perfino qualche amore. Di sicuro ci sono stati litigi, crisi e fiumi di lacrime. Ci sono state discussioni per stabilire i turni delle pulizie, ma anche giochi, scherzi e lunghe cene.

97951597_3055276031162139_6699946224943890432_n

Tutto questo, mescolato assieme, impregna ancora le pareti della casa che ora è orfana, come in qualche modo lo sono stati i suoi ospiti di un tempo. Forse ognuno di loro, a un certo punto della sua permanenza lì, si è sentito abbandonato ma al tempo stesso parte di una grande, variegata, famiglia. Proprio come si immagina succeda negli orfanotrofi. Dopotutto questo posto cos’era se non un orfanotrofio per adulti? Ragazzi, adulti, rimasti soli rincorrendo una scelta, un’idea, un’utopia sbagliata o solo troppo veloce. Spero siano riusciti tutti a ritrovare il proprio percorso. Chissà se qualche volta ripensano ancora a quella grande casa.

 

 

 

 

97215713_3055272597829149_5276097083793735680_n

Poi ci sono le coincidenze, che poi alla fine non sono nemmeno tali. Si tratta solo di vedere qualcosa con gli occhi ancora impressionati da un’esperienza appena fatta. Il fatto è che dopo essermi aggirata in quel posto fra i fantasmi del suo passato, ho iniziato a vedere “The promised neverland” un anime che, guardacaso, è ambientato in un orfanotrofio dove la serenità è solo apparente. Anche a distanza di tempo ho ancora la sensazione di aver visitato, dal vivo, gli stessi ambienti che poi ho rivisto nell’anime… ditemi se per voi non è lo stesso!

98169235_3055284124494663_1845783829206269952_o

98347072_3055275927828816_1579785101426819072_n

98731876_3055284151161327_4139030356470792192_o

97391224_3055278121161930_5157507809775976448_n

97997381_3055284317827977_8468749418273701888_o

A casa della nonna che scrive

Ines viveva in una casa enorme, un palazzo edificato come piccola fortezza già fra il XIV e il XV secolo. Le pareti di quella grande casa racchiudono stanze ben più grandi e storie molto più lunghe di quanto possiamo immaginare di trovare nelle abitazioni comuni. Ma anche Ines non era una persona comune. Viaggiava molto e senza bisogno di nessuno che l’accompagnasse: saltava su un aereo e raggiungeva il nipote lontano, anche se l’età avrebbe suggerito diversamente. La chiamavano nonnina volante, ma nelle sue giornate nel grande palazzo Ines si faceva compagnia scrivendo. Agende, fogli sparsi, lettere… tante, tante parole messe nere su bianco e lasciate su tavoli, credenze e comò a parlare di una lunga vita. Quasi 110 anni. La casa di Ines ha sentito il suo abbandono e ora si sta lasciando andare a sua volta, dopo secoli di storie e di vite. In quella dimora abbandonata aleggia la storia dell’ultima abitante che, come succede spesso, diventa un po’ leggenda, un po’ fantasia.

Altre foto in QUESTO ALBUM

90955047_2936507843038959_880756569589940224_n

90999720_2936508953038848_796709565755293696_n

91564179_2936508983038845_2445505733542805504_n

Scuole chiuse

Fa sempre un certo effetto aggirarsi in una scuola quando… non c’è scuola. Può succedere durante le vacanze, per andare ad assistere a uno spettacolo o a una riunione, oppure succede di norma quando è periodo di votazioni e le aule si trasformano in seggi. Immagino capiti a tutti, in questi casi, di sentire il rumore della scuola anche se non c’è. Le risate, il baccano, le sedie che si spostano ce li aggiungiamo noi con i nostri ricordi dei tempi della scuola che poi si somigliano un po’ tutti.

81290395_2733590039997408_1481378789266030592_o

Ci sono anche scuole chiuse per sempre. Alcune trattengono ancora fra le loro mura i fantasmi di quei rumori passati. Altre hanno perso proprio tutto.

79893528_2733617559994656_2057812045188825088_o

Ve le presento: la scuola felice e la scuola vuota.

Provate ad aggirarvi fra le loro aule. Fatelo in silenzio, altrimenti non sentirete nulla.

Siamo i ribelli della montagna

67228558_2435198296503252_2679338596544020480_n

«Siamo i ribelli della montagna
viviam di stenti e di patimenti
ma quella fede che ci accompagna
sarà la legge dell’avvenir.»

Un covo di ribelli, un luogo di ritrovo dove si scrive la legge dell’avvenir. L’impressione è stata questa, entrando in questa casa.

67316147_2435198053169943_5532366817294548992_n

Si respira la protesta, si sente il chiacchiericcio anarchico della sera e qualche nota di chitarra,  un canto e l’odore di fumo.

67298147_2435198533169895_4902886858385522688_n

Poi se ne sono andati tutti e non si sa il perché. Resta qualche vestito e sopravvivono, nelle pareti, testimonianze di un’arte antica, ancora aggrappata alla roccia.

67512339_2435198483169900_2719396665592119296_n

67249753_2435197999836615_4127449037286670336_n

67524497_2435197816503300_7402965988284563456_n

Altre foto di questo luogo bizzarro si trovano in questo ALBUM

67497328_2435198109836604_8943757734466027520_n

Se ci fosse un film su Alice Nelly…

Lei dipingeva dappertutto, sulle pareti, sui mobili e sugli schermi spenti delle TV. Si firmava Alice Nelly e viveva in una casetta con suo fratello Nellino, senza riscaldamento, senza corrente elettrica.

32116693_1789441304412291_6595170356024049664_n

Quando Alice era in vita ha esposto alcune sue opere da qualche parte, in qualche mostra. Ma non è mai diventata famosa e nel mondo dell’arte il nome Alice Nelly non dice nulla, a nessuno. Ora Alice e Nellino non ci sono più e la loro casetta dipinta è abbandonata alle intemperie. Ma se le cose fossero andate diversamente? Se qualcuno avesse visto l’arte racchiusa nei sorrisi dipinti, nelle scene naif? Se Alice oggi fosse conosciuta come una grande artista? Se qualcuno avesse deciso di trasformare in un film l’incredibile storia della sua vita assieme al fratello Nellino? Magari oggi la conosceremmo tutti, in tutto il mondo, come è successo per Maudie, una pittrice incredibilmente simile ad Alice. Maud Lewis era una pittrice Canadese: anche lei viveva in una piccola casa, anche lei dipingeva ogni cosa. Oggi le sue opere valgono molti soldi e la sua casetta è stata salvata dal deperimento: ora ospita le opere di Maudie e la si può visitare. La sua storia e la sua visione colorata del mondo le trovate in un bel film: Maudie (disponibile su Netflix). _522x755.

Guardatelo e pensate ad Alice mentre lo fate. Io invece faccio un appello a tutti i registi in ascolto: fate un film sulla vita di Alice e Nellino, la storia c’è, è bellissima ed è già un’opera d’arte.

Blog su WordPress.com.

Su ↑