Cerca

Le storie della mala notte

esplorazioni, racconti e visioni per fare sogni inquieti

Categoria

letture

Storie come non le avete inventate mai

n_800_rsc01_product_2L’ispirazione non manca, a volte però manca la storia nuova, inaspettata, quella che non pensavi avresti inventato mai. Per lasciare decidere alla sorte quale sarà la tua prossima storia basta lanciare un dado, anzi… 9 dadi. Sono i Rory’s Story Cubes: cercavo qualcosa del genere dai tempi in cui partecipai a uno spassoso concorso letterario in cui dovevi scrivere un pezzo di storia per volta, ogni volta che settimanalmente veniva estratta una carta. Non appena ho visto questa adorabile confezione di simpatici dadi me ne sono innamorata. Si può giocare da soli o in compagnia, davvero non ci sono regole ed è un modo creativo di passare il tempo, anche sotto l’ombrellone come è successo a me per la storiella bizzarra che troverete nei commenti. Io ho lanciato i dadi e poi li ho ordinati nel modo che vedete per scrivere la mia storia.

64241652_2352729238083492_5607378494133633024_n

 

Vi va di provare? Le figure da utilizzare sono quelle che vedete ma potete scegliere l’ordine che volete. Scrivete la vostra storia nei commenti, magari specificando quale dado entra in scena in un determinato momento. L’unica regola è che li dovete utilizzare tutti e 9! Buona creazione, buona scrittura e buona lettura! (postate le vostre storie nei commenti, comincio io con la mia)

Annunci

Un velenoso invito

Quello delle piante per me è un mondo sconosciuto, ma affascinante. Preferisco così, non saperne troppo, perché in questo modo mi tengo il diritto di fantasticare: questa bacca sarà velenosa? quell’erbetta primaverile sarà commestibile? perché i rovi crescono sempre intorno agli edifici abbandonati che vorrei esplorare? e quelle palline che si attaccano ai vestiti:

quante di loro si trasformeranno in nuove piantine?

Poi ci sono i nomi, tutti quei nomi dai poteri remoti. Poteri sì, perché sono in grado di evocare sensazioni, suscitare rispetto o simpatia, incutere timore. Pensate all’erba del diavolo: di tutto ciò che potete immaginare sul suo conto, di certo non sareste tentati di farci un’insalata.

Io ho anche giocato a inventarle, alcune piante, e così è nato il rubidio dalle cui bacche si ricava un succo rosso in grado di donare visioni, poi la viscalia dalle foglie che graffiano e ancora l’amaralia, anche detta erba del sonno. Ho messo queste piante dentro a una storia che è diventata un romanzo, s’intitola “L’arte delle gocce rosse”. Lo presenterò in un parco, che ospita un piccolo giardino botanico il quale custodisce affascinanti piante velenose: quale contesto migliore per parlare di una storia in cui le piante sono, in qualche modo, protagoniste? Se vivete nei paraggi o avete occasione di passare da quelle parti, fate un salto: si parlerà di piante reali e immaginarie, di posti abbandonati e anche di stelle, bevendo un bicchiere in compagnia. Ci sarà anche una visita guidata al Giardino.

Vi aspetto domenica 9 settembre, alle 18.00, al Parco Buzzaccarini – Boschetto dei Frati a Monselice (PD)

Per non dimenticare nulla, ci penserà Facebook a ricordarvi dove, come, quando cosa: cliccate con un bel “parteciperò” a questo evento

 

 

Consiglio di lettura: “L’arte delle gocce rosse”

 

cielo-stellato.jpgLe aveva detto che andare alla festa non costava nulla, che bastava portare con sé una candela, che quella era l’usanza. Certo che servono per fare luce! Dopotutto è una casa abbandonata! aveva risposto all’ennesima petulante domanda di Malinka, però… servono anche per cacciare gli spiriti che si annidano fra quelle mura quando non c’è nessuno. (da “L’arte delle gocce rosse“)

L'arte delle gocce rosse
L’arte delle gocce rosse

Ci sono case abbandonate e case abitate, ci sono macchine volanti e vecchiette esperte di erbe. C’è la miraggina, una sostanza allucinogena che dona visioni. Poi ci sono Malinka e la vecchia Usta, Vertov il mercante e la piccola, inquietante, Diane: ognuno con la propria ossessione, malattia, perversione.
Se vi piacciono le atmosfere racchiuse nei luoghi abbandonati, questa è una delle tante storie che hanno suggerito a me: l’ambientazione è immaginaria ma le ispirazioni le ho raccolte in posti reali seppur effimeri, dati in pasto all’incuria e al passare del tempo. Ma ogni tanto, se vi va, possiamo uscire all’aria aperta, di notte, e attardarci ad ammirare le stelle.

IMG_20180624_174824

La costellazione della Clessidra: esisterà davvero?

 

‘Cara Diane, qui c’è sabbia in ogni direzione e fino a dove riesci a spingere lo sguardo. Di notte però, non si guarda la sabbia ma il cielo: ci sono così tante stelle da togliere il respiro. Credo staresti sve-glia a guardarle per ore. Un abbraccio, zio Vertov.’
Lui stava a guardare le stelle nelle ore in cui il sonno non arrivava. Anche a quelle latitudini era possibile distinguere la costellazione della Clessidra, ma appariva rovesciata. Lo avrebbe raccontato a Diane. (da “L’arte delle gocce rosse“)

“L’arte delle gocce rosse” si può sfogliare ma c’è anche in formato digitale (a soli 4 euro): lo trovate qui

Featured post

La casa di Halloween

Questa è una casa che giace adagiata lungo un sentiero, come se qualcuno di passaggio l’avesse gettata lì.

23032751_1604019972954426_6603467607109612344_n

Diroccata e avvolta dalle piante rampicanti sembra un insignificante cumulo di vecchi mattoni, ma noi siamo a conoscenza delle spaventose creature che la abitano e senza paura le andiamo a salutare. Entriamo e squittii, ruggiti e ragnatele ci accolgono nel loro mondo dalle pareti rosse.

22894228_1604019952954428_4382246779265440283_n

22894466_1604020139621076_9124680395528940412_n

23130737_1604019466287810_9040892405546121959_n

Non sappiamo nulla della famiglia che un tempo viveva qui, ma ci piace pensare a un ragazzino tanto appassionato di mostri da volerli sempre con sé, nella propria camera da letto. Erano compagni di gioco che si staccavano dalle pareti non  appena, di notte, cominciavano i sogni, quelli avventurosi.
Chissà quanti anni ha ora quel ragazzo e dove vive, chissà se gli piacciono ancora i mostri e se ripensa ai suoi vecchi amici quando per le strade, ad Halloween, incontra piccoli mostriciattoli.

Io lo ringrazio, perché è per merito della sua stanza che è nato il mio racconto “La casa del fuoco” (lo trovate fra le pagine di QUESTO LIBRO)

Le case crollano, ma i posti magici viaggiano. Buoni mostri a tutti.

(PS. altre foto le trovate su QUESTO ALBUM)

23031524_1604019776287779_4744820229904315414_n

Troppe storie… da leggere…gratis

 

copertinaSi parla di storie? Storie da leggere? Storie GRATIS? Allora è il momento di scaricare Le storie della mala notte, 5 racconti da leggere al buio. Si tratta del mio libro e lo trovate disponibile gratuitamente sul sito della casa editrice I Sognatori. Se poi vi va di seguirmi anche su Facebook, battete un colpo!
E voilà anche il booktrailer!

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑