Cerca

Le storie della mala notte

esplorazioni, racconti e visioni per fare sogni inquieti

Categoria

film

Un racconto cyberpunk (!?)

DSC_1611

Ambientato in un futuro distopico, parla di connessioni, clonazione e ribellione. Se si possa davvero definire cyberpunk non lo so, ma ci somiglia quantomeno per le atmosfere, le stesse che ritrovo di tanto in tanto esplorando vecchi stabilimenti industriali che cadono a pezzi. “Gli anni del vivaio” lo scrissi molto tempo fa, era credo il 2008. Lo scrissi, lo feci leggere a qualche conoscente e qualcuno mi disse: “sai che somiglia tanto al filmThe Island?“. Io quel film non lo avevo ancora visto, ma nessuno ci crederà mai.

GLI ANNI DEL VIVAIO

Elena Lazzaretto

Comincia a fare freddo e questa corrente d’aria cattiva me lo porta fin dentro le ossa. Sento il rumore perenne delle ventole che si affacciano sulle pareti, da qualche parte sopra di me. Da qualche parte, ancora più su, c’è anche il cielo. Io non credo sia lo stesso che vedevo allora: al Vivaio il cielo era quasi blu. E come ogni volta che scopro un ricordo di quegli anni non posso non chiedermi perché il Trattamento DEL non abbia funzionato. Gioco ad illudermi che il Vivaio non sia mai esistito, ma sento arrivare quell’idiota di Creuso che ha la brutta abitudine di riportarmi alla realtà. Riesce a trovarmi ovunque, mi viene a scovare in fondo ai vicoli anche se sono raggomitolato in un angolo sporco, nascosto sotto strati e strati di stracci. Confesso di non riuscire a sopportarlo, lui e quel suo sorriso di denti sghembi e gialli. Gli aliti d’aria più violenti se la prendono con i suoi capelli, coprendo e scoprendo la stempiatura. Creuso è giovane, tutto sommato, e non ha motivo di fare la vita che faccio io. Già da lontano vuol farmi capire che c’è qualcosa da vedere perché tiene in mano la placca, il braccio alzato. Qualcosa che riguarda Jadzia, ovviamente. Se solo si decidesse a lasciarmi in pace. Non mi libererò mai di Creuso e della sua placca: potrei distruggergliela, ma riuscirebbe a procurarsene un’altra, anche rubandola. La copertura totale senza un device per usufruirne per lui sarebbe l’inferno: sogna l’impianto opto-auricolare, lo stesso di cui mi sono sbarazzato…assieme al mio orecchio destro.  ‘Tu, tu ti sei bruciato il cervello a forza di caricare dd’ mi ha ripetuto non so più quante volte, ridacchiando, tirando su col naso e puntandomi contro il suo indice curvo e sporco. Glielo lascio credere, meglio così: sono abbastanza vecchio per aver provato droghe naturali e sintetiche, ma non ho mai scaricato nessun tipo di digital drug.  Mi sono fatto tagliare l’orecchio, sì: credo che per questo Creuso non sappia se considerarmi più pazzo di lui. Ed è per questo che forse mi ammira, ma se fosse appena un po’ più sveglio capirebbe pure lui. Rinunciare al credito, non accedere alla copertura totale, disfarsi dell’impianto: in una parola sparire. Niente droghe e, forse, niente pazzia caro stupido Creuso: semplicemente non voglio essere rintracciato, solo tu mi trovi ovunque, ma tanto tu non sei nessuno. Proprio come me.

“Tycho!” mi chiama, con quel sorriso ebete. Mi raggiunge e si siede pesantemente in terra, vicino, attaccato a me. Gli puzza il fiato, mi volto per non sentirlo e per non guardare la placca che mi mette con insistenza davanti agli occhi. Una vecchia placca, un modello che non credo producano più visto che tutti stanno passando all’impianto.
“Guarda Tycho, c’è la tua bella.”
“Creuso…” sospiro, sfinito.
Lo so che non lo fa con cattiveria, lo so. Crede che in realtà io sia contento di vedere ogni nuovo spot di Jadzia, ogni sua dichiarazione. Maledetti i primi tempi, il pensiero di Jadzia era una ossessione di cui Creuso fu testimone quando ero ubriaco o parlavo nel sonno. Ora riesco a controllarmi, ma non posso fare a meno di guardarla, Jadzia, sul monitor della placca. Almeno rimane confinata lì, l’impianto invece me la porterebbe fin dentro al cervello dove c’è già il ricordo di lei. La vera lei. Sotto ai pollici dalle unghie sporche di Creuso c’è Jadzia Vella che parla e sorride, parla e sorride: è solo la copia della copia della vera Jadzia. E’ quasi lei.

Quando vidi Jadzia B. Vella per la prima volta, aveva sedici anni e parlava di rado, sorrideva timidamente abbassando lo sguardo. Avrei dovuto restare al Vivaio per cinque anni a prendermi cura del suo cuore. Poi l’avrei dimenticata, assieme a tutto il resto. Questo prevedeva il contratto che avevo firmato con i Beta Labs: un anno di addestramento, quattro di lavoro, impianto opto-auricolare gratuito, compenso molto elevato. E dovevo acconsentire a sottopormi al Trattamento DEL una volta che tutto fosse finito: dovevo dimenticare anche l’esistenza di quel posto prima di tornare al mondo esterno. La sola clausola era riuscire a mantenere sempre lineare il profilo psicologico, una sola incrinatura e sarei stato sottoposto al trattamento e poi rispedito a casa. Le cose però andarono diversamente: ed ora eccomi qui, in compagnia di Creuso che mi dice per l’ennesima volta che esiste anche una dd  per scopare con Jadzia, solo che bisogna avere l’impianto ovviamente. Mi guarda indagatore, sicuramente crede che io intendessi una cosa del genere quando gli dissi che Jadzia l’avevo conosciuta davvero. In quasi 5 anni, invece, l’avevo proprio vista crescere. Vissi al Vivaio monitorandole ogni giorno il cuore, un cuore che non aveva alcun difetto: sapevo di non dover fare domande ai colleghi, né ai ricercatori Beta Labs. Cercai di non fare mai domande nemmeno a me stesso. E poi un giorno, l’ultimo, Jadzia mi guardò a lungo come non aveva mai fatto prima. “Immagino sia il cuore” mi disse, sembrava serena. Lì per lì non capii. Ma lei sì, non so come, aveva capito ogni cosa. Il suo cuore era perfetto e per questo glielo avrebbero tolto. Solo per questo era stata creata. Jadzia B., B come Beta, il pezzo di ricambio. Solo in questo modo la vera Jadzia avrebbe continuato a vivere.

Era stata capace di intuire tutto questo da sola! Jadzia B. era qualcosa di diverso, molto più che una semplice copia. Tutti si erano sempre concentrati sul suo cuore, nessuno aveva mai studiato a fondo la sua mente, nessuno si era accorto delle sue facoltà. Sì, io sono certo che avesse sviluppato delle notevoli facoltà mentali, è l’unica spiegazione che sono riuscito a darmi in tutti questi anni. Era nata e cresciuta in un ambiente puro, schermato da qualsiasi onda artificiale, isolato perfino dalla copertura totale: nessuno al mondo aveva mai avuto questa possibilità. La sua mente ne aveva approfittato per…espandersi. Ancora non mi spiego perché avesse deciso di rivelare proprio a me tutto quello che aveva capito, a poche ore dal trapianto quando oramai era tardi per fare qualsiasi cosa. Dopotutto cosa avrei potuto fare? Ero solo un ignaro ingranaggio del Progetto Vivaio. Non sapevo che anche la vera Jadzia era stata da poco condotta al Vivaio. Non sapevo nemmeno che ci fosse una vera Jadzia! E non sapevo che quella che mi stava di fronte avrebbe finito di vivere quel giorno, a 21 anni. Jadzia B. forse, aveva soltanto bisogno di confidarsi con qualcuno per la prima e l’ultima volta.

Il mio profilo psicologico subì conseguenze notevoli ma quello che successe nelle ore successive giustificò largamente le alterazioni riscontrate quel giorno.
Rabbrividisco, mi succede ogni volta che ripenso a quei momenti. Creuso continua a parlare, ma io non lo sento, e lui guarda la placca quasi toccandola con il naso, tanto la tiene vicino.

Fu la vera Jadzia a morire: morì il giorno stesso in cui avrebbe dovuto avere inizio la sua nuova vita. Fu stroncata da un aneurisma cerebrale, lei che fin dalla nascita aveva avuto gravi problemi non con il cervello ma con il cuore. L’attacco si verificò non appena Jadzia B. fu condotta nella sua stessa stanza. Nessuno avrebbe mai potuto calcolare un imprevisto così incredibilmente assurdo. Con il passare del tempo però, si è fatta sempre più forte in me l’idea che in quello che era successo non ci fosse nulla di assurdo. Al Vivaio ci fu molto trambusto, mi venne chiesto di verificare le condizioni del cuore di Jadzia B: perfette. La sostituzione venne preparata nei dettagli, ma molto rapidamente. Il patrimonio mnemonico della vera Jadzia era comunque già stato scaricato, come vuole la prassi in tutti i casi di intervento a percentuale di rischio non nulla. Sottoposero Jadzia B. al Trattamento DEL totale e successivamente all’operazione di carica. Prima che si risvegliasse verificai nuovamente le condizioni del suo cuore: perfette. Da quel momento non avevano più bisogno di me. Fui sottoposto al Trattamento DEL a mia volta, giacqui sdraiato nello stesso punto in cui poche ore prima avevano deposto Jadzia B. Il trattamento con me non ha funzionato e all’inizio nessuno se ne è accorto, nemmeno io. Poi i ricordi hanno cominciato a tornare. Ho avuto paura e ne ho tuttora. Paura che i Beta Labs se ne accorgessero e mi venissero a cercare per cancellarmi la memoria in modo definitivo. Io non ho parlato, nessuno al mondo sa di tutto questo. Creuso borbotta e ridacchia, annuisce con gli occhi sbarrati sulla placca. Mi dà fastidio.

“Creuso, lasciami solo.”

Creuso si volta di scatto, come se si fosse ripreso all’improvviso da uno stato di ipnosi. Mi fissa in un modo che non è da lui, come se vedesse in me le risposte a tutte le domande del mondo.

Gli dico di smetterla. Creuso guarda la placca e poi guarda me, vedo la sua faccia con la coda dell’occhio. Guarda la placca e guarda me. Mi chiede “Tycho, ma tu da dove vieni?” Il cervello se lo deve essere bruciato anche senza impianto. Gli dico che vengo dal Paradiso. “Non hai certo l’aspetto di un angelo” Ridacchia e mi mette la placca sotto il naso, vedo la mia faccia nel monitor come allo specchio dopo un’eternità. Resto affacciato sulla rete estesa per alcuni istanti e quando me ne rendo conto mi scosto immediatamente. Creuso guarda me, guarda la placca e se ne va. Finalmente posso provare a dormire.

Un dolore al collo, come una puntura d’insetto mi sveglia. Apro gli occhi ma la vista è annebbiata. Distinguo la faccia di Creuso che è davanti a me e mi respira addosso. Mi sta per venire un attacco di nausea e le sue parole isteriche sembrano venire da lontano. Dice qualcosa del tipo che non mi devo preoccupare e non mi devo arrabbiare, che gli hanno promesso l’impianto. Sento che sto per perdere i sensi, non vedo più nulla.

E’ come se tornassi da molto lontano, ma sento di stare bene. Percepisco luce gentile che si insinua fra le palpebre. Provo ad aprire gli occhi: prima è solo luce, poi prende forma uno spettacolo che non vedevo più da chissà quanto. Al di là di una vetrata enorme, al di là delle torri e dei palazzi più alti, c’è un tramonto immenso che si prende tutto lo spazio e tutto il mio cuore. Lo contemplo a lungo senza farmi domande, non mi importa di dove sono, né di chi mi ci ha portato e perché. Sento la pace e potrei restare sdraiato su questa chaise longue così, per sempre. Poi, una voce. Da qualche parte nella stanza, dietro o di fianco a me, una voce di donna.

“Volevo che vedessi qualcosa di bello, al tuo risveglio.”

Mi manca il respiro e non oso guardare, non oso pensare. Fisso imperterrito il tramonto e sento i dei passi. Profumo leggero di fiori. Posa la sua mano sulla mia.

“Ti ho cercato così a lungo, Tycho. Così a lungo.”

La voce un po’ le trema, e io non dico nulla ma trovo la forza e mi volto lentamente verso di lei. Nel suo sorriso mi pare ancora di distinguere quel velo di timidezza di un tempo, e non riesco a dire una parola. Ci guardiamo a lungo con la luce del tramonto che copre d’oro il suo volto e forse anche il mio. Sono capace di mormorare soltanto il suo nome, a bassa voce, temendo che lei sparisca all’improvviso. E invece lei tenta di mantenere il sorriso, ma una lacrima le sfugge e scivola giù, e cade sul mio braccio.

“Tycho…ricordi chi sono?”

Vorrei che non soffrisse così, la mia piccola Jadzia.

“Ricordo chi sei, Jadzia B., ricordo tutto.”

Jadzia mi stringe la mano. “Lo sapevo che il Trattamento non…” Lascia la frase a metà, sospesa. “Sono ancora la Jadzia che hai conosciuto?”

“Quasi, Jadzia, sei quasi tu.” Le sorrido.

Rimaniamo in  silenzio a guardare il tramonto fino a che la luce non se ne va del tutto. Ci sono troppe cose da dire e da chiedere, ma sto di nuovo bene: sento di potercela fare e non ho alcuna fretta. Io ho tutto il tempo che Jadzia può volere. Tempo e ricordi sono tutto ciò che ho. Jadzia fa un profondo respiro.

“Ricordo amori che non ho vissuto e lacrime che non ho mai versato, ma della vita che fu davvero mia ricordo soltanto le ultime ore, e ricordo te.”

Di Jadzia B. non è rimasto altro che una manciata di ore. E’ quasi più triste così che saperla cancellata del tutto.

“Tycho, io non so come spiegarlo ma… è dipeso tutto da me. Ho interferito con il dispositivo di cancellazione” sospira. “Verso la fine del trattamento sono riuscita a reagire. Avevo la sensazione di aver capito come rispondere agli impulsi in modo uguale e contrario, annullando l’effetto. Devo aver creato un’interferenza che  ha compromesso il funzionamento del dispositivo.”

Abbassa lo sguardo, mi prende la mano con entrambe le sue e mi chiede di perdonarla.

“Non avrei avuto tante difficoltà a ritrovarti, se i tuoi ricordi fossero stati cancellati non avresti avuto alcun motivo di nasconderti. Se il Trattamento DEL non ha funzionato, se non ha funzionato con te  Tycho, è solo colpa mia.”

Mi sporgo verso di lei e vorrei sfiorarle la guancia con la mano, ma non riesco a fare altro che un sorriso.

“Jadzia, nessuno al mondo ha meno colpe di te.”

Lei si fa ancora più triste e suoi occhi sono di nuovo lucidi di lacrime.

“Tycho tu credi davvero che io non abbia colpe?” Si alza in piedi tenendosi i gomiti come se questo le servisse a contenere il dolore. “Quello che ho fatto con il dispositivo assomiglia a quello che ho fatto a lei. Io l’ho uccisa”

La guardo e comincio a capire il suo tormento. Jadzia non conosce sé stessa, ma porta in sé i ricordi, le emozioni dell’altra lei. Convive assieme al pensiero terribile di aver causato la fine della vita che conosce così come fosse stata la sua, ma che sua non era.

Perché Jadzia mi ha cercato tanto? Perché ha sperato (ne sono convinto) che il Trattamento DEL non avesse funzionato con me? Perché ha bisogno di essere rassicurata sulla persona che era. Ha bisogno di qualcuno che le parli di Jadzia B. Qualcuno che le dica che Jadzia B. era stata creata nell’ambito del progetto Vivaio e che aveva sviluppato delle sorprendenti facoltà mentali. Io non posso sapere cosa sia successo in quella stanza, ma so che erano entrambe prive di sensi quando furono condotte lì. Posso dirle quello su cui ho fantasticato io: due menti così simili l’una all’altra forse hanno reagito, forse è successo quello che succede alle onde quando interferiscono costruttivamente o entrano in risonanza. Il cervello della vera Jadzia non ha retto, tutto qui. Alla fine le dico la cosa più semplice, la più vera.

“Tu non avresti mai fatto del male, non era nella tua natura. No Jadzia, tu non l’hai uccisa. Ora però hai i suoi ricordi dentro di te, ed è un po’ come se ospitassi la sua anima no?”

Jadzia mi guarda e alla fine sorride fra le lacrime. Non dice nulla, mi si avvicina e mi abbraccia. Io chiudo gli occhi e mi perdo nel suo profumo.

“Ti prego, parlami di Jadzia B.”

Mi lascia e io mi appoggio nuovamente allo schienale, ma continuo a guardarla mentre inizio a raccontare.

Credo stia per sorgere il sole. Jadzia mi ha ascoltato per ore mentre le restituivo una parte di lei. Se ne riappropriava senza lasciarsi sfuggire una sola sfumatura. Adesso dorme, con un po’ di fortuna sta sognando i suoi sogni e forse da oggi vivrà più serenamente. La lascio così e scendo fuori sulla strada: me ne ritornerò con calma ai miei vicoli, non ho fretta. Non considerarla ingratitudine, Jadzia, se me ne vado così: non ce la faccio a ricominciare in questo mondo, non ne ho la forza. Ma sono felice e mi stupisco di riuscirci ancora. Penso a Creuso che grazie a questo scherzetto potrà avere il suo tanto desiderato impianto. Tutto perché ha avuto la fortuna di conoscermi e di ricevere uno dei tanti messaggi subliminali di cui erano infarcite le comparse di Jadzia nella rete estesa. Gli darò una lezione appena lo vedo, se lo rivedrò, eppure sono felice anche per lui.  E’ una felicità piena che mi prende come una folata di vento costante e vigoroso. Il motivo è che ora ho un ricordo nuovo e bellissimo a cui ripensare ogni volta che voglio: l’espressione incantata di Jadzia mentre  ascoltava le mie prime parole.

“Quando ti ho vista per la prima volta avevi sedici anni e un sorriso timido. Abbassavi sempre lo sguardo ogni volta che qualcuno ti guardava.”

FINE

 

Se ci fosse un film su Alice Nelly…

Lei dipingeva dappertutto, sulle pareti, sui mobili e sugli schermi spenti delle TV. Si firmava Alice Nelly e viveva in una casetta con suo fratello Nellino, senza riscaldamento, senza corrente elettrica.

32116693_1789441304412291_6595170356024049664_n

Quando Alice era in vita ha esposto alcune sue opere da qualche parte, in qualche mostra. Ma non è mai diventata famosa e nel mondo dell’arte il nome Alice Nelly non dice nulla, a nessuno. Ora Alice e Nellino non ci sono più e la loro casetta dipinta è abbandonata alle intemperie. Ma se le cose fossero andate diversamente? Se qualcuno avesse visto l’arte racchiusa nei sorrisi dipinti, nelle scene naif? Se Alice oggi fosse conosciuta come una grande artista? Se qualcuno avesse deciso di trasformare in un film l’incredibile storia della sua vita assieme al fratello Nellino? Magari oggi la conosceremmo tutti, in tutto il mondo, come è successo per Maudie, una pittrice incredibilmente simile ad Alice. Maud Lewis era una pittrice Canadese: anche lei viveva in una piccola casa, anche lei dipingeva ogni cosa. Oggi le sue opere valgono molti soldi e la sua casetta è stata salvata dal deperimento: ora ospita le opere di Maudie e la si può visitare. La sua storia e la sua visione colorata del mondo le trovate in un bel film: Maudie (disponibile su Netflix). _522x755.

Guardatelo e pensate ad Alice mentre lo fate. Io invece faccio un appello a tutti i registi in ascolto: fate un film sulla vita di Alice e Nellino, la storia c’è, è bellissima ed è già un’opera d’arte.

Storie in treno: le mie preferite

Ci sono due cose che amo nella letteratura e nei film (e dovunque se ne racconti), ma che cerco di evitare nel mondo reale: il treno e il circo. Sono mondi chiusi e in movimento, il primo è pieno di sconosciuti, il secondo è una specie di strana famiglia. Ho deciso di fare un po’ d’ordine con i ricordi e provare ad annotare quelle storie che mi hanno colpito. Cominciamo da quelle in cui c’era di mezzo un treno (poi per il capitolo Circo ci sentiamo più avanti). Cominciamo proprio dall’inizio, dai ricordi di bambina che sono saldamente legati al mondo dei cartoni animati: in principio fu il Galaxy Express 999, un treno spaziale (ne parlo anche nel podcast Stelle&TV). Idea folle, impossibile e meravigliosa, quella di un lunghissimo viaggio in treno facendo tappa su qualche pianeta. s-l300Non era un cartone animato allegro, le storie erano cupe come il nero dello spazio profondo che si vedeva fuori dai finestrini. Le carrozze erano tante ed erano vuote, piccoli vuoti nel vuoto cosmico in un viaggio di sola andata. Il Galaxy però ogni tanto si fermava, cosa che invece sembra non dover succedere per il treno su cui viaggiava Sophia Loren nel film Cassandra Crossing.mv5bzwnkyjhhnzutmzbiyi00owe2ltgxmdutyzdjmdcxzteyoduzxkeyxkfqcgdeqxvymji4mja5mza@._v1_ Questa visione che all’epoca mi impressionò molto (quasi quanto il mio film catastrofico preferito, ovvero L’avventura del Poseidon di cui ho parlato qui). Il treno correva verso la morte: era stato (volutamente) fatto dirottare verso un vecchio ponte che attraversava una gola profonda, dato che a bordo si era diffuso un pericoloso contagio. I passeggeri erano prigionieri in questa trappola letale: se non era il virus a ucciderli ci avrebbe pensato la forza di gravità (forse per questo non amo i viaggi in treno?).
Se alla claustrofobia del treno aggiungiamo quella del sottomarino, ecco che ci tuffiamo in un altro cartone animato della mia infanzia, anche questo non proprio divertente seppur farcito di scene buffe.8pvb63m Del resto stiamo parlando di Osamu Tezuka con Marine Express – L’espresso sottomarino, dove gli occhioni dei personaggi del creatore della Principessa Zaffiro non devono ingannare: da occhi grandi scendono poi grandi lacrime. Per alcuni aspetti e soprattutto per la scena finale (no, non faccio spoiler!) questo lungometraggio animato mi è tornato in mente svariate volte guardando Snowpiercer ,altro film in cui il treno è protagonista assoluto. snowpiercer-1024x682In un modo coperto dai ghiacci questo treno viaggia senza fermarsi mai racchiudendo nelle sue carrozze le esistenze degli esseri umani che si sono adattati a una vita che scorre veloce sulle rotaie, ma non alla divisione in classi sociali. Claustrofobia portami via!
Ma la scena più claustrofobica ambientata a bordo di un treno l’ho vista nel film Non ho sonno, di Dario Argento. Quelle rare volte che si vorrebbe un treno super affollato, quelle volte in cui ad esempio sei inseguita da un assassino, ecco… lo si trova spaventosamente vuoto come il Galaxy Express. non-ho-sonno-2La povera ragazza di questo film non sa più dove nascondersi. Arriva a infilarsi in quello spazio fra due vagoni, dietro la membrana di gomma che sostituisce le pareti nella zona di passaggio. Ho trovato più horror quella singola scena che non tutto il film.
Forse è meglio prendere questo mezzo di trasporto con una predisposizione d’animo più tranquilla. Meglio rilassarsi con atmosfere più british, perché su un treno ci si può concedere anche un the con pasticcini e magari un omicidio o una scomparsa. il_mistero_della_signora_scd0bemparsa_28film29Ovvio che mi riferisco a Omicidio sull’Orient Express, però devo dire che su questo “stile” ho preferito Il mistero della signora scomparsa con l’adorabile zia Fletcher 😉
Ah, dimenticavo: oltre a tutto questo su un treno ci si può anche leggere un bel libro, magari ambientato su un treno… chissà se Books and details ha qualche consiglio in merito!

Sturm und drang

Qui è successo qualcosa di forte, devastante. Qui qualcosa ha distrutto tutto, all’improvviso, come un incantesimo scagliato da un mago impazzito. Per questo motivo, aggirandomi qui, fra mura crollate e statuette spaesate, ho pensato a Dorothy quando ritorna alla città di Smeraldo e la trova stravolta.

 

ritono a OZ
fotogramma tratto dal film “Nel fantastico mondo di Oz” del 1985

Forse, come succede nel film, quelle statuine in mezzo all’erba non sono sempre state di pietra, forse prima del disastro erano esserini viventi.

37027515_1867974989892255_8618123312767172608_n

Forse con questi mobili abbandonati e un tocco di magia, ci potremmo costruire anche noi un trabiccolo volante e andare via.

36992482_1867974093225678_8710340461090308096_n

Inoltre c’è da dire che la vernice rimasta il colore della città di smeraldo lo ricorda davvero.  Non avete visto il film e ricordate solo il grande classico con Judy Garland? Recuperate quanto prima! “Nel fantastico mondo di Oz” mantiene il tono della favola ma si tinge di tinte cupe, alcune scene riescono anche ad essere disturbanti. La sensazione di trovarsi imbrigliati in un incantesimo un po’ folle pervade anche lo spettatore ed è un po’ ciò che si prova visitando luoghi abbandonati come questo.
Nella realtà questo posto non è stato vittima di una magia cattiva. A guardarlo viene da pensare a uno scenario di guerra, ma non è così. Questa volta è stata la natura che s’è svegliata e ha  deciso di spazzare via questo posto, le sue mura, le statue, i mobili, tutto. Non ha lasciato nulla se non i ricordi e un asciugacapelli appeso.

36950681_1867973089892445_8984380840821653504_n

36998525_1867976956558725_2991265539923378176_n

Chi si è salvato? Solo chi se ne stava rincantucciato nell’angolo, sul fondo della chiesetta: una madonnina è ancora lì, sopravissuta e riconoscente.

36928146_1867973896559031_1430908869088903168_n

Ci sono altre foto di questo posto, se vi va le trovate in questo album. Magari lasciate pure qualche commento!

La casetta degli sposi

Questa casetta un tempo è stata un nido d’amore: piccola, isolata, disposta su due piani. Deve essere stato bello viverci, i primi tempi, prima che il tempo corresse troppo avanti, troppo in fretta.

All’inizio ci viveva una coppia di sposi, erano felici.

Beh, forse non proprio loro, però ci piace immaginarli così perché questa casa è anche un po’ bizzarra, come quella del FILM da cui è tratto questo fotogramma. Perché bizzarra? Si entra dal piano terra, affacciandosi subito a quello che poteva essere un salottino. C’è ancora una di quelle poltrone grassocce, quelle in cui l’uomo di casa può sprofondare leggendo il giornale (sempre che riesca a ricordare dove ha lasciato gli occhiali).

Da qui si raggiunge una piccola cucina dove, nel frattempo, la moglie sta preparando un delizioso pranzetto.

Ma quante volte succede che, quando tutto è pronto in tavola, manchi un coltello o una forchetta? Forse uno spiritello dispettoso ha nascosto le posate, ma di certo ce ne sono un sacco nella sala da pranzo, quella bella dove si ricevono gli ospiti.

Questa sala è bella… in modo strano. Guardate che colori! Le pareti di un verdemare molto intenso, i mobili di legno scuro dagli interni porpora e poi ancora il termosifone dipinto di rosso come pure gli infissi. Per sentirsi in un film di Tim Burton basta stare qui dentro, magari al centro della stanza e fare una piroetta. Forse potrebbe anche arrivare uno spiritello.

Gli sposini nel frattempo osservano tutto. Loro sono qui presenti, in ogni angolo. Vicino a una vecchia tovaglia c’è anche il “barometro matrimoniale” per lanciarsi messaggi, per non arrabbiarsi e perdonarsi sempre.

Altra bizzarria di questa casa è che la camera da letto è al piano superiore e per raggiungerla bisogna uscire e fare le scale esterne. Scopriamo che la nostra coppia di sposi, oltre che innamorata, era molto devota.

 

Quando è arrivato un pargoletto, marito e moglie hanno ragionato e discusso: questa casa è piccola e scomoda, non ci si può stare più! Così, alla fine, hanno deciso di cercarne un’altra e andare via. Però hanno dimenticato qualcosa, lì nella scatola, sopra l’armadio, ben piegato: il vestito da sposa.

O forse è stato uno spiritello dispettoso a nasconderlo, perché voleva tenerlo per sè?

Adesso qui ci viene lui solo, di notte, a giocare.

Quello che possiamo dire noi è che questa casetta è parecchio malconcia: a occhio e croce sarà abbandonata da almento vent’anni. A giudicare da certe crepe sulle mura, forse il motivo dell’abbandono potrebbe essere legato a cedimenti strutturali, ma queste sono tutte ipotesi. Non siamo riusciti a sapere nulla di quella coppia di sposi che un tempo è vissuta qui. Auguriamo loro di essere sempre felici e che ogni giorno sia bello come quello del loro matrimonio.

Le altre foto di questa casetta le trovate QUI.

La casa dell’impagliatore

Questa casa è una di quelle mete molto note nel mondo dell’esplorazione urbana. La chiamano “La casa dell’impagliatore” e guardando le foto capirete perché.

21371228_1555435037812920_6742464742967924427_n

L’ho già detto che dentro ad ogni luogo abbandonato il tempo si è fermato in un determinato momento? In una casa visitata poco tempo fa, ad esempio, si era fermato agli anni ’80. Qui, invece, è stato come ritrovarsi in un film degli anni ’70. Un horror italiano, con le musiche dei Goblin. Sì, ho pensato a Buio Omega dove il bel Francesco si dilettava a fare l’imbalsamatore.

Anche il padrone di questa casa, a quanto pare, aveva lo stesso hobby… quello di imbalsamare gli animali, intendo.

24129911_1630264760329947_110077366416516820_n

Era un primario radiologo e la casa era colma di cartoline che venivano da lontano, scritte in italiano stentato, che lo salutavano caramente. Chissà qual è la sua storia. Possiamo solo provare a immaginarla visitando questo luogo. Potete sfogliare l’ALBUM COMPLETO.

24296355_1630264836996606_2120570255987811170_n

La miglior catastrofe

Non sono un’appassionata del genere catastrofico, ma in questa categoria c’è un film che da piccola mi ha fatto una grande impressione e che mi soffermo a rivedere affascinata ancora oggi. Si tratta de L’avventura del Poseidon, quello del 1972, da non confondere con sequel e rifacimenti vari.

imm

Difficile che non vi sia mai capitato di vederlo: mentre a bordo di una gran bella nave da crociera tutti festeggiano e banchettano, all’orizzonte si profila un’onda enorme che si abbatterà sul vascello capovolgendolo. Tutto finisce capovolto ed è una scena drammaticamente meravigliosa, di quelle che viste in tenera età, come è successo a me, ti rimangono scolpite dentro. La sala della festa diventa il primo girone di un inferno sottosopra: i tavolini, che erano fissati al pavimento, ora sono sopra le teste di chi nel frattempo è caduto, rotolato, morto nella fase di rovesciamento.

protectedimage

Un uomo precipita contro una enorme vetrata dipinta: una comparsa che cade e muore, vetri frantumati, sono pochi fotogrammi sufficienti a racchiudere l’essenza dell’intero film.

1146242391
Che il film sia entrato nella memoria condivisa è un dato di fatto…del resto, se la scena viene riproposta pure in un episodio de I Simpson è così per forza!homers_story
Il gruppetto di passeggeri che decidono di raggiungere la sala macchine per cercare la salvezza è quanto di più eterogeneo ci possa essere: persone diverse per età, esperienze, carattere. Nessuno di loro è un eroe, ma al tempo stesso lo sono tutti, ciascuno a modo suo. Qualcuno muore, e a me vien da piangere ogni volta. E ogni volta che, in qualsiasi contesto, mi è capitato di sentir parlare di “sala macchine” un pensiero vola al Poseidon.

Quella vigilia di Natale con “Il mago di Oz”

1024px-il_mago_di_oz_film_mgm_screenshotEra la vigilia di Natale di non so più quanti anni fa quando aspettai la mezzanotte perdendomi in una vecchia storia. Fra canzoncine e personaggi buffi, saltellando su strade dai mattoni gialli con scarpette d’un rosso brillante, in un mondo dai colori tanto sgargianti e improbabili anche attraverso lo schermo della TV in bianco e nero, finì che m’innamorai de Il mago di Oz . Da allora non so più quante volte l’ho visto, sempre per caso e sempre con piacere, riscoprendomi fedele a quel vecchio amore e soprattutto alla me stessa di allora. Negli anni mi è piaciuto ritrovarlo dove meno me lo sarei aspettato: in una puntata di Saranno Famosi  o nella scena finale del romanzo Hyperion di Dan Simmons. Nell’86 non mi perdevo una puntata del cartone animato e in tempi più recenti ho anche apprezzato Il grande e potente Oz una sorta di prequel: l’ho trovato azzeccato sotto parecchi aspetti, m’è piaciuto (anche se immagino sarà stato sommerso da valanghe di critiche). E non smetto di vedere il profilo della perfida strega dell’ovest ogni volta che al Planetario parlo della Nebulosa Testa di Strega.

testa_strega
Di tempo ne è passato tanto, ma a dispetto di tutto la magia di quell’imbroglione di Oz ancora non si è dissolta. Chissà perché, mi son chiesta. La risposta l’ho trovata di recente quando, spulciando fra i titoli presenti in Ad alta voce: i classici della letteratura letti da grandi attori, ho trovato anche Il mago di Oz letto da Alba Rohrwacher (attrice che ricordo con piacere nel bel film Il papà di Giovanna di Pupi Avati). Se non vi va di ascoltare tutta la storia, ma ne siete comunque affascinati, sentitevi almeno l’introduzione di Sara Sollors (che lo ha tradotto): propone un’analisi molto interessante oltre ad alcuni fatti alquanto curiosi. Qual è il segreto del Mago di Oz? Non averne! Cos’hanno di speciale i suoi protagonisti umani, quelli con i quali ci identifichiamo? Nulla! Dorothy e il Grande Oz, sono solo una bambina come tante e un signore come tanti, capitati in un mondo pazzesco. Quello che in un certo senso è successo a tutti noi e che ancora sta succedendo. Ecco perché l’incantesimo non si può sciogliere 😉

 

Film “con escursione”

bwPeriodicamente mi va di vedere film con un ingrediente specifico, non importa che si tratti di horror (sempre ben accetto) o film d’ammore (uhm…) ma basta che contenga quella cosa specifica. Ecco, ora l’ingrediente che cerco ora è “l’escursione“: qualche suggerimento? Io intanto faccio le mie brave liste, quella del “già visto” e i quella invece dei consigli “da vedere”

Già visto

The Blair witch project
Imprescindibile. Dopo questo le mie passeggiate nei boschi non hanno più avuto lo stesso sapore (nel senso che mi piacciono ancora di più). Voto 9

Picnic a Hanging Rock
Natura rigogliosa, sole splendente e le risate di un gruppo di collegiali: ingredienti che non ci si aspetterebbe per un film che, nella mia personalissima esperienza, ho trovato più disturbante anche di Shining. Voto 10

Into the wild (Netflix)
Un grande lungo viaggio in solitaria per scoprire che la felicità vera è quella condivisa. Voto 9.

Norh face
Una scalata fra neve, ghiaccio, roccia e vertigini. Da vedere d’inverno, sotto la coperta al calduccio. Voto 8

Alive – Sopravvissuti
Angosciante ma non il mio genere preferito di angoscia. Voto 6

Un tranquillo weekend di paura
Avevo grandi aspettative e come spesso succede quando si comincia così poi un po’ si resta delusi. Voto 7

The Descent
iniziato a vederlo per caso senza sapere nulla di genere/trama e questo devo dire è stato un valore aggiunto. Voto 9

127 ORE
Tutti (tranne uno) i film di Danny Boyle che ho visto finora mi son piaciuti un sacco, e questo sta dentro al sacco. Voto 9

A spasso nel bosco (Netflix)
Con due simpatici e attempati Robert Redford e Nick Nolte. Piacevole ma niente di più. Voto 6

Da vedere

5 giorni un’estate

La sedia della felicità

The Lobster

Cliffhanger

Lone Survivor

Un ponte per Terabithia

Vertical limit

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑